Le strade italiane e quelle di un altro pianeta

In Svizzera, nei prossimi anni verranno spesi un bel tot di milioni per pavimentare centinaia di km di strade con asfalto fonoassorbente, per ridurre il rumore e di conseguenza aumentare il benessere sonoro delle zone abitate adiacenti a tali strade.

In Italia – e io risiedo mio malgrado ben vicino al confine con la Confederazione – non si hanno nemmeno i soldi per tappare le buche presenti su qualsiasi strada, le quali basta uno scroscio di pioggia e si trasformano in pericolose voragini.

Ecco.

In effetti, per andare su un altro pianeta mica bisogna avere un’astronave e percorrere miliardi di chilometri. Ne bastano pochi e un’auto. E pure degli pneumatici di scorta in buono stato, finché non si arriva su quel “pianeta” così vicino e così lontano.

Annunci

Quelli che lavorano col…

Tra i buoni propositi per l’anno appena iniziato: accrescere la personale insofferenza verso quelli che lavorano male, che la mattina occupano il proprio posto di lavoro tanto per tirar sera, che se ne sbattono altamente della qualità di ciò che fanno e delle conseguenze che ne derivano a danno altrui, che svolgono le proprie mansioni, i propri compiti, i propri doveri professionali e non col… anzi, di più: a mentula canis, ecco.

Sarà per quanto sopra ovvero per l’insofferenza crescente, appunto, ma a me pare che tali figure siano in costante aumento. Sbaglierò forse, chissà.

Asini di Buridano everywhere!

Trovo sempre parecchio sorprendente, ovvero inquietante, constatare l’incapacità manifestata da molte persone di prendere decisioni. E, nel caso finalmente ci riescano a decidersi su qualcosa, di prendere la decisione sbagliata.

Sorprendente. O inquietante, se non drammatico già.

Accidenti, di fronte a così tante gente irresoluta non so nemmeno io quale aggettivo scegliere!

Sonno!

Un rinomato istituto di ricerca svedese, dopo lunghi e accurati studi, ha appurato che se il mio accumulo di ore di sonno in arretrato potesse essere trasformato in energia propulsiva, spingerebbe una sonda spaziale di medie dimensioni fino all’orbita di Nettuno.

Quattro miliardi e cinquecento milioni di chilometri di distanza, per capirci.

Ecco.

E di questo passo, ha aggiunto il suddetto rinomato istituto di ricerca svedese, Plutone mica è tanto più lontano, eh!

Leggere a letto

A volte penso, quando leggo nelle solite statistiche i dati su quella ampia parte di popolazione la quale dichiara di non leggere nemmeno un libro all’anno, spesso motivando ciò col “non avere tempo”, che se uno non riesce a trovare nemmeno qualche minuto, la sera quando se ne va a letto, per leggere un buon libro, be’, i casi sono due: o è una strana creatura che non abbisogna di dormire, o è un povero idiota.

Lo penso solo, eh, poi non è che lo dico in giro.