Douglas Adams, “Guida Galattica per gli Autostoppisti”

Da un sacco di tempo “incappavo”, più o meno incidentalmente, in questo titolo, Guida galattica per gli Autostoppisti, sapendo solo vagamente di che razza di libro fosse, e dunque, inevitabilmente, mi sono deciso ad affrontarne la lettura di quest’opera che, nei paesi anglosassoni, è un vero e proprio cult, dotata di fama impressionante e incredibile influenza sulle più svariate cose (dai dischi dei Radiohead fino ai computer della IBM!)…
Beh, dunque… Opera di fantascienza umoristica – si dice una delle prime di questo particolare filone… In verità, Guida galattica… è un libro di quelli che, a mio parere, o si ama sfrenatamente o si odia e si rigetta: folle, surreale, strampalato, irriverente, intessuto di tipico humor inglese – anzi, molto spesso tipicamente montypythoniano

Leggete la recensione completa di Guida galattica per autostoppisti cliccando sulla copertina qui sopra, oppure visitate la pagina del blog dedicata alle recensioni librarie…

Annunci

Galleria AcquestArte, Ascona: dal 31/03 “Natural Feeling”, in mostra Jonneke Kodde, Ron van der Werf, Casper Faassen

Natural Feeling è dedicata agli artisti olandesi Jonneke Kodde (scultrice), Ron van der Werf (pittore) e Casper Faassen (pittore).
Opere dai colori pacati, dai tratti per lo più essenziali e create utilizzando materiali ordinari: questa mostra porta alla riscoperta della complessa semplicità della bellezza e della natura. Arte che diffonde un confortevole senso di armonia e che stimola i sensi.

Sabato 31 marzo 2012 a partire dalle ore 15.00 presso la galleria AcquestArte di Ascona si aprirà l’esposizione temporanea intitolata Natural Feeling. La mostra è dedicata a tre artisti olandesi: Jonneke Kodde, Ron van der Werf e Casper Faassen. Dal 31/03, e fino al 17 Giugno, grazie alle loro opere potrete riscoprire la complessa semplicità della bellezza e della natura.

Cliccando sull’immagine dell’opera in testa al post (Casper Faassen, Dahlia, acrilico su pannello, cm.220×110) potrete visitare il sito web della galleria e avere ogni utile informazione sulla mostra.

“Blind Hole”: Anastasi, Fontana, Krisanamis, Osmolovsky, Peter, Revoir. Dal 31/03, Thomas Brambilla Gallery, Bergamo.

Il concetto di “foro cieco” ha un valore specifico in ingegneria. In pratica si definisce così uno “scavo necessario” utile per avere successo nel lavoro più velocemente, come succede nella costruzione di linee della metropolitana. Questo metodo spesso implica che il terreno intorno allo spazio vuoto stia per crollare, così normalmente viene impiegato un trattamento chimico a presa rapida per far che tutto si regga da sé, senza crolli.
Mentre all’interno della materia è possibile trovare una soluzione strutturale e reale per risolvere e in qualche modo definire il vuoto, nella spiritualità e nella vita interiore la dimensione “assenza” ha una connotazione più difficile, che nell’arte contemporanea si estrinseca in una gamma infinita di forme: drammatico, ironico, iconico, iconoclasta.

Thomas Brambilla Gallery, Bergamo, presenta Blind Hole: William Anastasi, Lucio Fontana, Udomsak Krisanamis, Anatoly Osmolovsky, Nathan Peter, Grayson Revoir.
Inaugurazione sabato 31 Marzo 2012, ore 18.30. La mostra resterà aperta fino al 04 Giugno 2012.
Cliccate sull’immagine dell’opera per visitare il sito web della galleria e avere ogni informazione sulla mostra.

Jørn Riel, “Una storia marittima”

Groenlandia, meraviglioso e desolato deserto di ghiaccio sferzato dai venti e spazzato dalle tempeste nevose, terra durissima nella quale la Natura pare dare il meglio di sé per imporre in modo incontrovertibile il proprio dominio sull’uomo, rendendo anche la più normale azione quotidiana una piccola/grande impresa, una prova di sopravvivenza da vincere a ogni costo. Bene: con chi lo visitereste un luogo del genere? Forse con una guida esperta, che vi garantisca sicurezza e competenza, forse con qualche indigeno, che vi assicuri di non smarrirvi tra i crepacci e il labirinto di fiordi… Per quanto mi riguarda, non vedrei invece l’ora di affidarmi a quella bizzarra, folle ma pure profondamente umana combriccola di cacciatori artici che anima le narrazioni di Una storia marittima, terzo volume (in ordine di pubblicazione in Italia ma pure di lettura dello scrivente) di una sorta di mini-serie ideata dallo scrittore danese Jørn Riel che comprende anche Safari Artico e La Vergine fredda, tutti quanti editi dalla (benemerita, lo dirò sempre!) Iperborea – nel caso del volume in esame con la traduzione di Maria Valeria D’Avino, che ne cura anche la postfazione…

Leggete la recensione completa di Una storia marittima cliccando sulla copertina qui sopra, oppure visitate la pagina del blog dedicata alle recensioni librarie…

Il podcast della puntata #12 di RADIO THULE 2011/2012

Ecco qui, come tradizione del giorno successivo a quello della diretta, il file in podcast della puntata #12 di RADIO THULE 2011/2012 di lunedì 26 Marzo 2012, intitolata Musica da toccare e dedicata a Touch, la nuova opera sonora di Tiziano Milani, ospite di questa puntata: un lavoro – edito da Setola di Maiale – che conferma lo status di Tiziano quale uno tra i migliori e più apprezzati compositori sperimentali e di ricerca italiani anche grazie alle numerose peculiarità di questa nuova opera, a partire da quella di base: la differenza tra musica da fare e musica “fatta”…

Cliccate sulla radio qui accanto per ascoltare e scaricare il file, oppure visitate la pagina del blog dedicata al programma con tutto l’archivio delle puntate di questa e delle stagioni precedenti.
Prossimo appuntamento con RADIO THULE, lunedì 23 Aprile 2012!
Buon ascolto!