Pochi ma buoni

“Non cercare il favore della moltitudine: raramente esso si ottiene con mezzi leciti e onesti. Cerca piuttosto l’approvazione dei pochi; ma non contare le voci, soppesale.”
Immanuel Kant.

“(…) raramente esso si ottiene con mezzi leciti e onesti“. Ok, era Kant, ovvero certo non l’ultimo dei pirla – come si dice – ma viveva nel XVIII secolo… E aveva già capito il rischio insito nella politica, nello spettacolo, nel consumismo sfrenato, nella TV contemporanea, in quasi ogni altro media nazional-popolare…
Così come, di contro, aveva capito che le idee buone si nutrono di qualità, non di quantità… Ecco perché nelle cose sopra citate non se ne trovano proprio…

Annunci

Anna Calvi, o del Talento

Prendete i primi cento musicisti italiani menzionati nelle classifiche di vendita, tutt’al più toglietene qualcuno (un paio, forse) di risaputa qualità. Bene, i restanti, messi insieme, non possiedono nemmeno un millesimo della classe di questa ragazza nemmeno trentenne, londinese ma di padre italiano, che però qui ovviamente non se la fila quasi nessuno.
Da conoscere.

L’erba del vicino è sempre più… corta!

Non ho mai avuto il cosiddetto pollice verde, e non metto un gran entusiasmo nel curare il giardino di casa, ma temo questa volta di averlo trascurato fin troppo, e che la vegetazione in esso sia cresciuta esageratamente… Stamattina apro la finestra che da’ sul suddetto giardino, e mi ritrovo davanti un tipo strano, nudo – anzi, con indosso solo una specie di mutanda leopardata, e accanto uno scimpanzè, che dopo qualche attimo si picchia i pugni sul petto, caccia un urlo tremendo e sparisce nuovamente tra le piante…

Uhm… Sì, lo prometto, oggi l’erba in giardino la taglio, la taglio…