Sabato 4 e (soprattutto!) Domenica 5 Febbraio: tutti al BUK 2012!

Il 4 e il 5 Febbraio prossimi si svolgerà nella consueta sede del Foro Boario di Modena la 5a edizione di BUK, una delle migliori fiere italiane dedicate alla piccola e media editoria.
Domenica 5 sarò presente anch’io in fiera, presso lo stand di Senso Inverso Edizioni, ovviamente con il mio ultimo romanzo Cercasi la mia ragazza disperatamente
BUK è una manifestazione ideata per favorire la diffusione della piccola e media editoria, dando visibilità alle oltre 100 case editrici che presentano la loro ricca offerta culturale. Sempre più festival letterario, BUK ha conosciuto nelle edizioni passate un grande successo di pubblico (10.000 visitatori nel 2008, 12.500 nel 2009, 15.000 nel 2010, 20.000 nell’ultima edizione del febbraio 2011 sempre a ingresso libero) che ha consentito un’articolazione del programma che si avvarrà della presenza di grandi ospiti e di molte iniziative collaterali: conferenze e dibattiti sui grandi temi dell’attualità, reading e atélier letterari creativi, incontri con autori e personalità della cultura ma anche eventi musicali e spettacoli dal vivo.
Cliccate sull’immagine del logo di BUK per avere ogni informazione utile sulla fiera e per sapere nel dettaglio come visitarla.

Dunque vi aspetto numerosi per incontrarvi/ci allo stand di Senso Inverso Edizioni a BUK, il 5 Febbraio. Ricchi premi e cotillon (?!) a chiunque passerà a trovarci!

Annunci

RADIO THULE #8-11/12, lunedì 30 Gennaio, ore 21, live su RCI Radio!

Lunedì 30/01, ore 21.00, live su RCI Radio e in streaming:
RADIO THULE, anno VIII, puntata #8:
E ora, qualcosa di completamente differente
Ovvero: nascita, storia, scienza, conoscenza, filosofia e follia dei Monty Python, il più grande e rivoluzionario ensemble comico di sempre!
Perché a chi non li conosce, una risata lo seppellirà!

Per ascoltare RADIO THULE in streaming dal tuo pc clicca QUI. E dal giorno successivo, qua sul blog, il podcast della puntata! Quindi, in un modo o nell’altro: stay tuned!

“Cercasi la mia ragazza disperatamente”: un libro che vi farà un gran bene!


Cercasi la mia ragazza disperatamente: l’unico libro che si prende una gran cura dei suoi lettori, li accudisce, si prodiga pure per guarirli dai mali di stagione, eppoi… Li fa’ morire – dal ridere! E per questa evenienza, state certi che non c’è nulla di farmaceutico o meno che vi possa salvare!

Cliccate sull’immagine per avere la posolog… Cioè, per conoscere ogni informazione utile sul libro, scaricare il materiale promozionale, leggere la rassegna stampa, e per sapere come acquistarlo in versione cartacea o ebook, nel caso.
Buona lettura. E riguardatevi!

Monty Python, l’autobiografia

La buonanima di George Harrison diceva che i Monty Python avevano ereditato lo spirito dei Beatles. Dopotutto, i Python si erano formati alla fine del 1969, proprio quando i Favolosi Quattro stavano diventando quattro singoli individui altrettanto favolosi. Entrambi erano gruppi composti da uomini che in breve tempo avevano prodotto – ciascuno nel proprio campo, che fosse la musica o la comicità – materiale straordinario e ineguagliabile. E naturalmente entrambi – ciascuno a modo suo – avevano cambiato il mondo. Forse George ci aveva visto giusto (Bob McCabe). Nel 1969, sei gentiluomini inglesi (in realtà c’erano due infiltrati, un gallese e un americano), uniscono le forze per creare un programma televisivo su un agente teatrale senza scrupoli, inaffidabile e viscido: Monty Python. Il team, in breve tempo, rivoluziona il mondo della comicità con gag surreali e un umorismo che sfida con classe la morale dell’epoca. I Python sono cool, eccentrici, visionari, assolutamente necessari. Tanto da essere definiti gli eredi dello spirito dei Beatles.. ”.

I Monty Python sono una parte, e nemmeno così piccola, della civiltà contemporanea. Anzi, mi sbilancio, dirò di più: a mio parere lo spirito di quanto hanno saputo fare, seppur con fini comici, lo si può per molti versi paragonare a quello insito nel pensiero di alcuni grandi filosofi del passato. Anche per come la risata può ben essere l’arma migliore che noi si possa avere a disposizione per sprofondare dentro tante delle cose che ci circondano, analizzandone come nessun altra cosa saprebbe meglio fare.
Per questo – sempre dal mio punto di vista – chi li ignora è in parte tagliato fuori dalla realtà. Oltre che essere più triste di quanto non potrebbe essere, altrimenti…

L’autobiografia dei Monty Python è pubblicata in Italia da Sagoma Editore. Cliccate sull’immagine per avere ogni ulteriore dettaglio al proposito.

Rrose magazine #1: la creatività fatta carta

È uscito il numero 1 di Rrose, bimestrale sulla creatività: dalle arti visive al design, passando per la fotografia, la grafica, la scenografia, l’illustrazione, la street art, la scrittura, la video art, la comunicazione, la moda, la musica, la filosofia, la psicoanalisi.

A questo primo numero di Rrose partecipano: Mimmo Jodice, Germano Celant, Bruno Ceccobelli, Gillo Dorfles, Angelo Ferracuti, Mauro Cicarè, Fabrizio Ottaviucci, Enzo Mari, Vittorio Zincone, Margherita Palli, Dem, Lorenzo Fonda, Mauro Bubbico, Annamaria Testa, Pasquale Barbella, Monica Randi (Astoria), Barbara Garlaschelli, Elisa Savi Ovadia, Maurizio Ferraris, Piero Feliciotti, Chiara Gabrielli, Paolo Rinaldi, Massimo De Nardo.

Rrose è su carta (di ottima qualità, peraltro), 60 pagine in free press, ed è il magazine di Rrose Selavy, associazione culturale per le arti visive, musicali e sceniche, veramente intrigante e sorprendente quanto il nome che si è data: Rrose Sélavy è infatti come Marcel Duchamp, forse il più innovatore artista del Novecento, definito il “padre” del dadaismo, firmò alcune sue opere (ready-made). Nel 1924 Man Ray fotografò Duchamp in abiti femminili: “Rrose Sélavy alias Marcel Duchamp”. Questo celebre ritratto è oggi conservato al Philadelphia Museum of Art.

Conosceteli, l’associazione e il magazine: lo meritano parecchio.