Tom Robbins, “Natura morta con Picchio”

Tom Robbins, sotto certi aspetti, è un pazzo. Già, non avete letto male, e come molti “pazzi”, quindi, dimostra spesso nel suo fare (in tal caso “fare letterario”) una genìa non comune – ma d’altro canto la società “normale” spesso considera pazzi proprio quei geni che, in quanto tali, sfuggono alle regole e al conformismo imperante, e rischiano di vedere e capire la verità delle cose meglio di chiunque altro, con conseguenze assai pericolose per la società stessa – in realtà sono virtuose le conseguenze, sia chiaro, ma non per chi fa’ del conformismo falso, ipocrita e ottuso la base per la propria dominanza, di qualsiasi natura essa sia…

Leggete la recensione completa di Natura morta con picchio cliccando sulla copertina qui sopra, oppure visitate la pagina del blog dedicata alle recensioni librarie…

Annunci

La madre dei cr…itici letterari è sempre incinta!

Birger è il marito defunto di Maj Britt. Per esperienza, io (che scrivo) so che alcuni desiderano che tali informazioni vengano loro ripetute più volte. Possono esserci svariati motivi per desiderarlo. Forse sono semplicemente un po’ ritardati, o magari hanno soltanto fretta e leggono il testo molto più velocemente di quanto non sarebbe l’ideale. I critici letterari (per esempio) appartengono a un gruppo particolarmente esposto a questo rischio, dovendo leggere in pochi mesi spropositate pile di libri e per giunta farsi pure un’opinione. Vuol dire un sacco di nomi, un sacco di trame e un sacco di stili tra cui districarsi. E soprattutto quando sono prevenuti e leggono un libro solo perché vogliono avere la conferma che l’autore scrive male, è facile che sorvolino un po’ sulla storia tanto da non ricordare bene il nome di questo o quel personaggio fittizio. Mi è stato addirittura raccontato di giornalisti che nelle riunioni di redazione chiedono di ricevere solo libri che sono abbastanza sicuri che non gli piaceranno. In certe persone la voglia di fare a pezzi un libro può essere irrefrenabile. Quasi un impulso erotico.

Chi ha scritto queste parole in un suo libro? Visto ciò che raccontano, e la situazione che rivelano, un qualche autore nostrano che abbia a cuore le sorti della buona letteratura e dunque – inevitabilmente? – in acredine chi dalle “poltrone del potere” la manipola e si eleva a suo dogmatico giudice?
No. Le potete leggere a pag.27 dell’edizione Iperborea di Volvo, del celebrato scrittore norvegese Erlend Loe – qui nel blog trovate le recensioni di alcune sue opere, nella pagina relativa.
Già. Ipse dixit.
Magra consolazione, peraltro, sapere che il morbo dell’infingardo critico letterario sia diffuso anche altrove, non solo dalle nostre parti…

“Frames”, un corto di Paolo Cilfone, e una nuova opera compositiva di Tiziano Milani

Una notte Vera si sedette sul suo letto; spalle al muro e le gambe piegate verso il petto.
Vera sente per la prima volta che la vita le sta chiedendo altro.
Vera ha paura. Fa finta di nulla e dal giorno dopo martella ancora la sua esistenza.
Ma da quella notte Vera non è più la stessa.
La vita è fatta di segni e i suoi sono fatti di passati e di rimpianti che non torneranno indietro.
Vera è in trappola.
Vera è rinchiusa in una gabbia.
Indaga nei suoi giorni e scopre la sua solitudine: la vita che le scivola via i mille rumori sconnessi che la circondano i falsi amori che non si possono chiamar tali.
Vera non vuol arrendersi al destino.
La debolezza non li appartiene; e se deve combattere, accetterà la sfida.
E cosi sarà questa notte.

Frames è un cortometraggio di Paolo Cilfone, il primo capitolo della trilogia ” Dietro le parole”, che comprenderà anche Distorsioni e Sguardi.
Ma, musicalmente, è anche l’ultima opera compositiva di Tiziano Milani, il “socio” dello scrivente nel progetto The City of Simulation | La Città della Simulazione.
Cliccando QUI potrete visitare il sito web di Frames e del progetto “Dietro le parole”.
Da conoscere, senza alcun dubbio.

La recensione di “Cercasi la mia ragazza disperatamente” sul blog “Oasi del Libro”


Ecco la recensione di Cercasi la mia ragazza disperatamente pubblicata dal blog letterario Oasi del Libro – Diario di lettrici appassionate. Ringrazio molto Sharazad per aver letto e recensito il romanzo, nonché l’intero blog per l’ospitalità concessami.

Cliccate sulle immagini per leggere la recensione, oppure QUI per sapere ogni cosa sul libro, leggerne la rassegna stampa completa ed acquistarlo, su carta o come ebook.
Dunque, in un modo o nell’altro, buona lettura!

Quando c’è da dire, dire!

Se c’è una cosa che proprio mi fa’ incazzare, sono quelli che si incazzano per niente.
E non sopporto quegli imbecilli che insultano senza motivo il prossimo.
Detesto quelli che usano termini volgari come, ad esempio, “incazzare”.
Aborrisco chi non fa’ che lamentarsi. Che noia, che irritazione, mi danno il voltastomaco!
Ed esecro pure quelli che trovi la mattina e ti dicono: “Oh, sono di luna storta!”. Per favore! Non è giornata oggi, ok?
Depreco tutti quelli che intasano le strade con le proprie auto, come chi avevo davanti stamattina in tangenziale.
Ho in orrore chi passa le proprie vacanze al mare, in spiaggia a far nulla! Piuttosto che compiere un bel viaggio eccoli tutti lì, intorno al mio ombrellone!
Compatisco le cose melense e svenevoli – ne parlavo giusto ieri a casa col mio dolce tesorino…
E non capisco che senso abbia mettere al mondo dei figli – di questo parlavo con mia madre, che si è detta assolutamente d’accordo.
Stigmatizzo quelli che credono e pregano presunti esseri divini, dacché li ritengono esistenti: ma Sant’Iddio, come si fa’?
Disprezzo chi scrive nei blog, e ancor più chi scrive cose insulse.
Anzi, è tutto il web che mi fa’ schifo, non lo utilizzerò mai.
E giammai scriverò qualcosa utilizzando un computer!
Ed esecro quelli che si mettono a fare elenchi.
E odio chi odia.
Ecco.
Perché IO ho le idee chiare! Sappiatelo.
E le esprimo con la dovuta calma. IO.

Umpff, dove diavolo ho parcheggiato l’auto, ora?

(L.)