Walter Bonatti (22 Giugno 1930 – 13 Settembre 2011)

Da ieri sera l’umanità è molto più piatta, perdendo una delle sue più alte vette
Ora, veramente, Bonatti is God.

Annunci

(Mie) Impressioni di Settembre


Settembre lo senti che è arrivato, più degli altri…
Il cielo non ride più sguaiatamente come solo un paio di settimane fa, l’aria ti scivola attorno indifferente quasi che abbia altro a cui pensare, gli alberi cominciano a prendere quell’espressione un po’ così, i campi non ansimano più come prima, l’acqua nei laghi e nei mari si guarda intorno un attimo indecisa, prima di frangersi sulle rive…
E’ come quando a una festa l’orchestra finisce di suonare, e si diffonde musica registrata: puoi continuare a ballare come prima, in effetti non è cambiato nulla, anzi, magari la musica è anche migliore (in effetti non che ve ne siano molte in giro, di orchestre non sguaiate…), però non è come prima. Forse meglio, appunto, può darsi peggio, ma comunque non come prima.
E ti metti a guardare l’orologio al polso, pensando: uhm, quasi ora di tornarsene a casa…

Luis Sepùlveda, “Patagonia Express”

E’ da un po’ che ho in mente di leggere la più classica e celebre trilogia di scrittori patagonici, ovvero Coloane, Chatwin e Sepùlveda. Non ho ancora avuto la fortuna di visitare la Patagonia, la conosco abbastanza in chiave alpinistica e ho qualche conoscente che vi è stato; ma è inutile rimarcare che, anche senza questi elementi, la Patagonia è uno di quei (rari) luoghi del mondo “integri”, ancora incontaminati, selvaggi, duri, di confine, nei quali la civiltà umana non è ancora riuscita a imporsi – e a intaccarne la purezza primordiale… Soprattutto, la Patagonia è uno di quei pochi luoghi rimasti sul pianeta dove l’essere vivente deve aver costantemente presente il valore della propria vita, deve continuamente ricercare la migliore e più proficua armonia con l’ambiente in cui vive sapendo che, a differenza del mondo antropizzato, avrà meno possibilità di cavarsi da un eventuale impiccio – materiale o spirituale…
In Patagonia Express – la prima delle opere che ho letto – Sepùlveda sembra voler rimarcare la reale sussistenza della trilogia patagonica di cui ho scritto, proprio omaggiando, all’inizio e alla fine dell’opera, Chatwin e Coloane…

Leggete la recensione completa di Patagonia Express cliccando sulla copertina qui sopra, oppure visitate la pagina del blog dedicata alle recensioni librarie…