Andrea Camilleri, “La concessione del telefono”

Acquistai questo volume direttamente nello stand della Sellerio al salone del Libro di Torino, chiedendo espressamente alla gentile mia interlocutrice dell’editore palermitano di consigliarmi un’opera di Andrea Camilleri – che non fosse della saga del Commissario Montalbano: ciò per non farmi influenzare dalla celebrità di essa e dalle suggestioni televisive della bella serie con Luca Zingaretti – che mi potesse far appassionare allo stile di scrittura dell’autore siciliano…
Comprenderete, con ciò, che già manifestavo una certa positiva predisposizione al godimento della letteratura di Camilleri, personaggio squisito che è un piacere ascoltare ad ogni sua ospitata televisiva per la simpatia e l’intelligenza che dimostra…

Leggete la recensione completa di La concessione del telefono cliccando sulla copertina qui sopra, oppure visitate la pagina del blog dedicata alle recensioni librarie…

Annunci

Del Titanic, o dell’apoteosi della sfiga

Oggi, cent’anni fa – ora più, ora meno – si inabissava il Titanic, nel modo che sapete bene e che ne ha generato il mito, oltre ad uno sterminato giro commerciale che appunto oggi, nel centenario della tragedia, raggiungerà certamente il culmine.
Fu un concatenamento di superficialità, decisioni errate e fatalità a mandare l’inaffondabile nave sul fondo dell’oceano: una sfiga di livello eccezionale, insomma. Ma, molto banalmente, provate a pensare se non fosse andata come è andata… Se il Titanic fosse stato in ritardo o in anticipo di qualche minuto, se l’iceberg l’avessero avvistato in tempo e in modo da farlo sfilare lontano dalla nave, o se avesse rallentato per qualche strano giro di correnti e, con la nebbia di quella notte, non venisse nemmeno avvistato dall’equipaggio… Il Titanic avrebbe continuato in tutta tranquillità il proprio viaggio e svolto un’onorata carriera di transatlantico sulla rotta Europa-America, per essere poi messo in ombra – magari solo pochi anni dopo, chissà – da un’altra e più bella e grande nave, diventando anoninamente uno dei tanti altri vascelli della sua categoria eppoi venendo dimenticato del tutto, con il secolo ormai trascorso, insieme a tutti gli altri suoi “colleghi” del tempo.
Invece no: l’iceberg lo centra, cola a picco, impressiona e sgomenta l’intero mondo di allora con una tragedia senza precedenti, dalla quale rapidamente si genera poi il mito, appunto.
Posto ciò, sotto certi aspetti e nel rispetto delle centinaia di persone che persero la vita, viene da meditare se non sarebbe stata una maggiore sfiga l’eventualità che il viaggio del Titanic fosse stato un successo. Ovvero, a pensarci bene, molto spesso i “miti” non sono altro che gigantesche sfighe alle quali il tempo e la storia hanno ribaltato il senso, determinandone un’inopinata apoteosi, per motivi più o meno giusti, più o meno leciti e sinceramente commemorativi.
Forse, come sostiene qualcuno (e pure prescindendo dal Titanic e dalla sua storia), a volte, di certi “miti”, effettivamente potremmo anche fare a meno.

Francesco Lussana: l’arte è lavoro, il lavoro è arte

L’artista Francesco Lussana ha utilizzato, come mezzo espressivo, l’attività di un’industria bergamasca, la Reepack, facendo in modo che sia molto difficile distinguere la frontiera che sta tra un’azione creativa e la vita del mondo lavorativo, tra il fine della commissione mercantile e il fine della produzione di natura artistica. (…) Lussana inserisce nella sua opera il lavoro di altri. Dà rilievo alle forme ignorate. Tratta col mondo industriale, con la produzione in serie. Riprogramma strutture, attingendo a un repertorio di forme che non sono considerate «opere d’arte». Cerca di infrangere il diaframma tra la fiction di un’azione artistica e il tempo della quotidianità. La decontestualizzazione è un simulacro di qualcos’altro, è una cornice della cornice. Forse è solo un’ulteriore declinazione del rovesciamento tra realtà e rappresentazione.
(Giuseppe Dell’Alto, L’Eco di Bergamo, 13 Gennaio 2012)

E’ uso comune, nel commentare l’attività di un artista ovvero nel presentare le sue opere, parlare di lavoro. “Il lavoro dell’artista…”, “I nuovi lavori presentati…” e così via. Però, soprattutto dalle nostre parti, il termine “lavoro” viene più comunemente associato ad una attività di produzione di beni d’uso comune, più che a quella di creazione di opere d’arte. Ancor più, per tradizione nostrana, storia, cultura, convenzione, molto spesso “lavoro” è sinonimo di produzione industriale metallurgica: il lavoratore è, prima di ogni altra cosa, l’operaio della fabbrica, non certo l’impiegato di banca o l’autista di tram, tanto meno l’artista.
Ma nell’opera artistica di Francesco Lussana, le varie declinazioni – tradizionali e alternative – del termine “lavoro” trovano un (quasi) inaspettato e notevole incontro. Lussana lavora e nel lavorare crea arte, facendo dell’arte stessa un “lavoro” nel senso più pieno del termine, non soltanto in quello pratico, materiale. Non solo: dei due termini, “arte” e “lavoro”, amplia il senso, le accezioni e il valore assoluto, ricuperandone sotto molti aspetti la nobiltà intrinseca, oggi molto spesso travisata e offuscata.
Tra il lavoro che nobilita l’uomo, e la bellezza (dell’arte, qui) che salverà il mondo, Francesco Lussana ci invita a riscoprire, o forse meglio sarebbe dire ri-comprendere, quella virtuosa capacità che l’essere umano possiede quale sublime unione tra intelletto e manualità che è il creare. E lo fa’ attraverso lavori artistici (definizione assolutamente consona, come ormai comprenderete bene) intensi e affascinanti. Da conoscere.

Cliccate sull’immagine dell’opera per visitare il sito web di Francesco Lussana e averne ogni informazione biografica, artistica e critica.

MiArt 2012: Milano sarà finalmente fiera della sua fiera (d’arte)?

La 17ª edizione di MiArt ospita 92 gallerie, 501 artisti – di cui 264 italiani e 237 stranieri – in un unico padiglione dove moderno e contemporaneo si fondono senza limiti temporali. Una mostra per collezionisti esigenti, che trovano a MiArt opere rare e ricercate accanto alle ultime creazioni degli artisti emergenti più promettenti o affermati. Una fiera per specialisti del settore, per il grande pubblico e appassionati e per tutti coloro che trovano nell’arte forme alternative di investimento. Numerosi i collezionisti internazionali che la visiteranno accanto agli italiani sempre attenti alle proposte di elevata qualità che MiArt offre attraverso le prestigiose gallerie presenti. Tanta scultura, tanta pittura e tanta fotografia fra gli stand della fiera e prestigiose new entry straniere, come Société di Berlino e On Stellar Rays di New York.

Riuscirà finalmente MiArt a diventare un vero evento di promozione dell’arte (e non solo l’ennesima fiera – o happening, o party… – luccicante tanto quanto sostanzialmente vacua) degno della città che lo ospita e, soprattutto, del sistema dell’arte milanese, forse in cifre il più importante in Italia ma incapace (ancora, almeno) di diventare altrettanto importante a livello culturale?
Vi saprò dire, nel caso, visto che non mancherò di farci un giro.

MiArt 2012: inaugurazione giovedì 12 aprile, apertura dal 13 al 15 aprile 2012. Fieramilanocity, padiglione 3, Milano. Cliccate sull’immagine del logo per visitare il sito dell’evento e avere ogni utile informazione nel merito.
Se siete in zona, fate magari un salto anche ad Arte Accessibile, l’altra fiera che (cito dalla presentazione dell’evento) nasce dal profondo desiderio di democratizzare l’arte e di renderla accessibile ad un vasto pubblico: dal collezionista piu esigente al neofita intimidito dal varcare la soglia di una galleria d’arte. Stravolge l’approccio tradizionale “Fiera” e, basandosi su un’interazione educativa che accorcia le distanze fra pubblico e arte contemporanea, fa crescere trascendendo le barriere culturali, istituzionali e commerciali. Cliccate sul logo qui sopra per visitarne il sito web.

Chi l’ha detto che il baratto è roba d’altri tempi? “FEDORA – Serata del baratto di oggetti e maestrie”, Clusone, 19/04.

Fedora, serata del baratto di oggetti e maestrie. Promosso dal MAT Club di Clusone, ideato da RespiroCobalto. Con: Little Jhon, Clara Luiselli. Alla chitarra: Stefano Luiselli.

Tema della serata è il baratto, lo scambio; entrano in gioco oggetti e maestrie; le persone si relazionano tra loro, scelgono e offrono, concludono scambi, lasciano i loro oggetti tra le mani di qualcun altro, tornano alle loro case con nuovi oggetti che hanno desiderato o con un tempo promesso nello scambio, dove qualcuno mette a disposizione una propria abilità della quale potrà fruirne chi l’avrà barattata. Non solo oggetti dunque.
Ad annunciare l’inizio degli scambi, un musicista e due performers interpretano alcune letture, portando il pubblico in una dimensione in bilico tra leggerezza e riflessione.
L’arrivo di una bicicletta ed un piccolo rimorchio introduce il baratto poetico BagattoBaratto: http//bagatto-baratto.blogspot.com/.
Per avere ogni informazione sull’evento, visitate www.matclub.it.

Un evento tanto particolare quanto intrigante, con l’egida preziosa di Clara Luiselli, artista capace di cose meravigliose. Cliccate sull’immagine della locandina per scaricarla in un formato più grande e leggibile. E andateci, se potete.