Una fortuna che vale per sempre…

Ho avuto sostanzialmente due “miti” – se così li posso definire – nella mia vita, e ai quali mi sono ispirato per fare della stessa un qualcosa di considerabilmente buono. Uno per il corpo, e uno per la mente – oltre a un mito letterario, Gabriele D’Annunzio
La mente l’ho affidata a Nietzsche, e non occorre dire altro. Il corpo – e lo si intenda nell’accezione più ampia possibile, non solo meramente “fisica” – a Walter Bonatti. Ciò non a caso, probabilmente, per come Bonatti potrebbe ben essere considerato una concreta incarnazione del superuomo nietzscheano: individuo libero da catene ovvero libero in senso assoluto, lontano da qualsiasi moralismo, cavalcante le proprie passioni e dunque pienamente dionisiaco, traboccante di spirito e sfavillante di vita.
Non serve qui dire delle incredibili imprese che Bonatti affrontò e superò, veramente al limite delle possibilità psico-fisiche umane, se non ben oltre per la stragrande maggioranza degli uomini: già innumerevoli cronache lo fanno e lo faranno ancora a lungo.
Vorrei però dire di quella volta – nel 2010 al Salone del Libro di Torino – nella quale lo incontrai, e ci mettemmo a chiacchierare tranquillamente di montagna (avevamo amici in comune) e in particolare del silenzio, e di come l’uomo contemporaneo avesse ormai perso la capacità di sentire il silenzio, che invece ancora resisteva tra le vette delle montagne, oltre che in pochissimi altri posti sul pianeta nei quali egli era stato, in certi casi forse unico uomo ad averlo fatto… E accanto a noi la compagna Rossana, persona di gentilezza e cordialità sublimi.
Lo dico perché Nietzsche e D’Annunzio, per ovvia cronologia, non li ho potuti conoscere. Bonatti sì. Ergo, ho avuto la fortuna di conoscere personalmente e di chiacchierare con uno dei miei miti fondamentali.
E’ una fortuna che non tutti possono vantare – di qualsiasi mito si voglia tener conto – e i cui effetti resteranno sempre vivi, in me.

Annunci

(Mie) Impressioni di Settembre


Settembre lo senti che è arrivato, più degli altri…
Il cielo non ride più sguaiatamente come solo un paio di settimane fa, l’aria ti scivola attorno indifferente quasi che abbia altro a cui pensare, gli alberi cominciano a prendere quell’espressione un po’ così, i campi non ansimano più come prima, l’acqua nei laghi e nei mari si guarda intorno un attimo indecisa, prima di frangersi sulle rive…
E’ come quando a una festa l’orchestra finisce di suonare, e si diffonde musica registrata: puoi continuare a ballare come prima, in effetti non è cambiato nulla, anzi, magari la musica è anche migliore (in effetti non che ve ne siano molte in giro, di orchestre non sguaiate…), però non è come prima. Forse meglio, appunto, può darsi peggio, ma comunque non come prima.
E ti metti a guardare l’orologio al polso, pensando: uhm, quasi ora di tornarsene a casa…

Luis Sepùlveda, “Patagonia Express”

E’ da un po’ che ho in mente di leggere la più classica e celebre trilogia di scrittori patagonici, ovvero Coloane, Chatwin e Sepùlveda. Non ho ancora avuto la fortuna di visitare la Patagonia, la conosco abbastanza in chiave alpinistica e ho qualche conoscente che vi è stato; ma è inutile rimarcare che, anche senza questi elementi, la Patagonia è uno di quei (rari) luoghi del mondo “integri”, ancora incontaminati, selvaggi, duri, di confine, nei quali la civiltà umana non è ancora riuscita a imporsi – e a intaccarne la purezza primordiale… Soprattutto, la Patagonia è uno di quei pochi luoghi rimasti sul pianeta dove l’essere vivente deve aver costantemente presente il valore della propria vita, deve continuamente ricercare la migliore e più proficua armonia con l’ambiente in cui vive sapendo che, a differenza del mondo antropizzato, avrà meno possibilità di cavarsi da un eventuale impiccio – materiale o spirituale…
In Patagonia Express – la prima delle opere che ho letto – Sepùlveda sembra voler rimarcare la reale sussistenza della trilogia patagonica di cui ho scritto, proprio omaggiando, all’inizio e alla fine dell’opera, Chatwin e Coloane…

Leggete la recensione completa di Patagonia Express cliccando sulla copertina qui sopra, oppure visitate la pagina del blog dedicata alle recensioni librarie…