Il lavoro è un sentiero, una roccia o il ghiaccio vivo (Francesco Nex dixit)

Nato il 6 luglio 1921 a Mattão, in Brasile, ma di famiglia genuinamente valdostana e di prestigiosa tradizione artistica (il padre, Francesco Antonio Nex, emigrò in Brasile nel 1895 ed era figlio del professor Francois Nex, originario di Doues, e di Marianna Artari, discendente da una famiglia di artisti con secoli di storia alle spalle: ne sono un esempio le opere realizzate nelle stanze di Clandon Park a Londra e nel palazzo reale di San Pietroburgo), Francesco Nex è uno di quegli artisti la cui notorietà è inversamente proporzionale alla bellezza delle sue opere. Nella sua carriera ha saputo ottenere eccellenti risultati con ogni tipo di materiale: dalla ceramica al rame, dal cuoio al ferro. Le maggiori soddisfazioni gli sono però arrivate dai coloratissimi “racconti figurati” su seta, allegoria della commedia umana, ambientati in un’atmosfera quasi stupefatta a metà tra favola e realtà. Così diceva Nex in merito alla sua arte: «Nei miei quadri mi piaceva raccontare me stesso e i miei “desaforo”, una parola portoghese che esprime un insieme di scontento, delusione e disamoramento per un mondo che non mi piaceva e che, almeno nei miei quadri, cambiavo.»

Nex è morto nella sua Aosta il 25 dicembre 2013.
Nel sito francesconex.it potete conoscere molto di più sull’artista e sulle sue opere.

P.S.: seppur ne dica di Nex, qui, per via della bella citazione contenuta nell’immagine in testa al post (per la quale devo ringraziare Eliselle), trovo suggestivo dirne proprio oggi insieme ad un altro prestigioso valdostano contemporaneo, Claudio Morandini, del quale – avrete visto – vi ho detto stamani, raccontandovi peraltro delle stesse montagne.

Annunci

La nuova mappa della Val d’Erve, venerdì 17/07, Erve (Lecco). Quando il territorio è un libro di storia e di geografia, e i suoi sentieri il testo scritto…

Locandina-ERVE-17lugLo scorso autunno ho dedicato parecchia attenzione allo studio della vita e delle opere di uno dei più grandi geografi di sempre, Élisée Reclus – si veda qui uno dei libri letti, mentre qui trovate il podcast della puntata di Radio Thule che gli ho dedicato. Scienziato grandissimo e intellettuale rivoluzionario, tra i padri della geografia moderna e contemporanea, mi sono trovato ad apprezzare il suo pensiero soprattutto quand’egli sosteneva la correlazione fondamentale e irrinunciabile tra geografia e storia – per come l’una generi l’altra e viceversa – e ancor più nella sua convinzione (avanzatissima, a quei tempi) che la conoscenza della geografia ovvero del territorio in cui l’uomo vive fosse basilare per la generazione del senso civico diffuso, della consapevolezza sociale, della coscienza della propria presenza e azione nell’ambiente in senso ecologico e non solo nonché, ultimo ma non ultimo, della stessa identità personale. In parole povere: più si conosce il territorio in cui si vive (su piccola scala, ovvero i dintorni di casa, e su grande scala, cioè il mondo intero) e più si conosce sé stessi; inoltre, più lo si conosce e più lo si ha a cuore, si difende e si preserva, perché parte integrante della propria sfera vitale e della propria identità individuale, appunto. E credo sia inutile rimarcare quanto ciò è/sarebbe importante oggi forse più che in passato, visti i tempi di anomia e di globalizzazione culturale massificante nei quali viviamo – nonché di disinteresse istituzionale verso tali temi, come proprio la geografia quale osteggiata materia scolastica dimostra bene!

cop-mappa-erve1Per questo è stato per me un grande onore e un altrettanto piacere far parte del gruppo di lavoro che ha elaborato la nuova Carta dei sentieri di una delle montagne prealpine più famose in assoluto, il manzoniano Resegone, e in particolare del suo versante meridionale, quello occupato dal bacino idrografico del torrente Gallavesa e dunque conosciuto in modo omonimo o come Val d’Erve, dal nome del suo abitato principale. Valle bellissima e ricca di peculiarità particolari, che nonostante la sua limitata estensione offre al visitatore una gran varietà di ambienti: dalla parte alta prettamente alpestre, prospiciente le creste sommitali del Resegone – paradiso per arrampicatori ed escursionisti – a quella mediana, amena e rilassante, occupata dall’abitato di Erve diviso a metà dal torrente, allo spettacolare e rabbrividente orrido che appena dopo si apre tra altissime pareti rocciose. Tutt’intorno, boschi rigogliosi, pareti di arrampicata, vie ferrate, creste affilate o dorsali tranquille, mulattiere e monumenti medievali, sentieri e passeggiate per tutti i gusti e molto altro.
Della mappa ho curato tutta la parte testuale, divisa in schede dedicate alla geografia della zona, alla sentieristica, alle rilevanze storiche e culturali e ad alcuni consigli “turistici” per chi non la conoscesse e la volesse visitare, nonché in parte il corredo fotografico e il progetto grafico. Un lavoro breve ma alquanto approfondito e intenso per uno “strumento” di natura apparentemente solo utilitaristica, quale è una mappa dei sentieri, che invece diventa/può diventare un importante testo didattico e culturale sulla storia e la geografia di un territorio ovvero della gente che lo ha abitato in passato, caratterizzandone l’evoluzione, e che lo abita oggi, continuandone la storia e la trasformazione nel tempo. Proprio quanto già sosteneva Reclus, quasi 150 anni fa.
La nuova Carta dei sentieri Val d’Erve al 1:10.000 – ovviamente georeferenziata WGS84 – edita da Ingenia Cartoguide, sarà presentata al pubblico venerdì 17 luglio prossimo, alle ore 21.00, presso la Sala Consiliare del Municipio di Erve. Sarà poi in vendita in numerose edicole e librerie di Lombardia (e non solo) oltre che, naturalmente, negli esercizi pubblici di Erve e zone limitrofe.
Se siete in zona… (cliccate sulla locandina in testa al post per ingrandirla e scaricarla in formato stampabile.)

Il podcast della puntata #12 di RADIO THULE 2012/2013

Ecco qui, come tradizione del giorno successivo a quello della diretta, il file in podcast della puntata #12 di RADIO THULE 2012/2013 di lunedì 25 Marzo 2013, intitolata Un museo dalla forte eco
Ovvero: il “museo”, inutile dirlo, è un luogo, generalmente un edificio, che conserva una certa collezione di opere (storiche, artistiche, culturali) e che si può visitare per poter ammirare tale collezione conservata. Ma può invece esistere un museo privo di mura e d’un tetto, la cui collezione non è fatta di opere vere e proprie ma di paesaggi, ambienti, tradizioni, culture, e che, più che visitarlo, lo si può addirittura vivere? Sì, esiste: è un ecomuseo, e approfittando della presenza di un tale “museo diffuso” del territorio nel quale RCI Radio ha sede, in questa puntata RADIO THULE ospita logo_ecomuseo_VSM_187(una volta ancora, e sempre con grande onore e piacere) Fabio Bonaiti, Coordinatore dell’Ecomuseo della Val San Martino, per guidarci alla scoperta di questo e degli ecomusei esistenti oggi sul nostro territorio: come e quando sono nati, cosa sono, come “funzionano”, perché esistono e come si può godere del loro patrimonio – ovviamente con un occhio di riguardo per l’Ecomuseo locale e per quanto ci può offrire, ma indubbiamente con un focus generale sull’intera realtà ecomuseale nazionale e internazionale.
Per avere da subito maggiori informazioni sull’Ecomuseo Val San Martino, cliccate sul logo per visitarne il sito web.

Cliccate sulla radio qui sopra per ascoltare e scaricare il file, oppure visitate la pagina del blog dedicata al programma con tutto l’archivio delle puntate di questa e delle stagioni precedenti.

Prossimo appuntamento con RADIO THULE, lunedì 8 Aprile 2013. Save the date e, per ora, buon ascolto!

Lunedì 25/03, ore 21.00: torna RADIO THULE #12-12/13, live in FM e streaming su RCI Radio!

Lunedì 25/03, ore 21.00, live su RCI Radio 91.8/92.1 FM e in streaming:
RADIO THULE, anno IX, puntata #12!
Sapete che potreste vivere dentro un “museo”, senza saperlo? Ve lo potrebbe rivelare questa puntata, intitolata Un museo dalla forte ecoOvvero: il “museo”, inutile dirlo, è un luogo, generalmente un edificio, che conserva una certa collezione di opere (storiche, artistiche, culturali) e che si può visitare per poter ammirare tale collezione conservata. Ma può invece esistere un museo privo di mura e d’un tetto, la cui collezione non è fatta di opere vere e proprie ma di paesaggi, ambienti, tradizioni, culture, e che, più che visitarlo, lo logo_ecomuseo_VSMsi può addirittura vivere? Sì, esiste: è un ecomuseo, e approfittando della presenza di un tale “museo diffuso” del territorio nel quale RCI Radio ha sede, in questa puntata RADIO THULE ospita (una volta ancora, e sempre con grande onore e piacere) Fabio Bonaiti, Coordinatore dell’Ecomuseo della Val San Martino, per guidarci alla scoperta di questo e degli ecomusei esistenti oggi sul nostro territorio: come e quando sono nati, cosa sono, come “funzionano”, perché esistono e come si può godere del loro patrimonio – ovviamente con un occhio di riguardo per l’Ecomuseo locale e per quanto ci può offrire, ma indubbiamente con un focus generale sull’intera realtà ecomuseale nazionale e internazionale.

Per ascoltare RADIO THULE in streaming dal tuo pc clicca QUI, oppure QUI per lo streaming in HD o ancora QUI per lo streaming in UltraHD! E dal giorno successivo, qua sul blog, il podcast della puntata! Quindi, in un modo o nell’altro: save the date e stay tuned!