Saltare la coda

«Ah, non sai che roba, stamattina all’ufficio postale!» mi dice P.
«Cosa?» gli chiedo.
«Ci sono andato perché dovevo spedire un pacchetto. Entro, e trovo una fila della miseria, almeno venti persone in coda davanti a me.»
«Caspita!»
«Già. Mi metto in coda e, d’un tratto, dall’ingresso entra di gran lena un tizio, viene verso di noi e non salta la coda?»
«Cosa? Assurdo!»
«Già! Ci ha saltati come nulla fosse.»
«Incredibile. Fossi stato lì, l’avrei preso a sberle!»
«Preso a sberle? Ma sei fuori?! Prenderesti a sberle il campione del mondo di salto in alto? È partito un grande applauso da tutti, invece.»
«Il campione del mon…?!»
«Sì, era proprio lui! Un grande atleta, un campione, l’ha dimostrato bene, non c’è che dire. Tra gli applausi ha stretto molte mani, firmato autografi, ha consegnato la busta che aveva da spedire e se n’è andato.»
«Ah. E poi?»
«Poi nulla. Ci siamo rimessi tutti quanti in fila.»
«Beh… Allora ha veramente saltato la coda, in effetti.»
«Già, saltata proprio.»
«Sì, ma, cioè, nel senso che… vi ha proprio saltati tutti quanti, lì.»
«Ehm… Sì, esatto.»
«Ma, voglio dire… per andare allo sportello!»
«Proprio così.»
«Eh!»
«M-mm. Ho impiegato quasi un’ora per spedire quel mio pacco e uscir fuori da lì.»
«Ah, ecco.»
«Già.»

[Photo credit: Bert Verhoeff / Anefo – CC0]
P.S.: per capire cosa sia ‘sta roba, leggete questo pre scriptum.

A pensarci bene

[Image credit: Annalise Batista da Pixabay]
A pensarci bene, le festività natalizie sono bellissime.
Già.

A pensarci a maggio, giugno, anche luglio, ecco.
Dopo, o in altri momenti, già meno.

La bella notizia

(Photo credit: https://pixabay.com/it/users/marisa_sias-526173/)

Oggi mi è arrivata una bella notizia.
Pero è arrivata che io non c’ero, quindi è andata via.

Spero che ritorni e che io ci sia, ovviamente. Altrimenti la vado a cercare io: meglio darsi da fare a cercare le cose belle piuttosto di convincersi che siano sempre loro a cercare te. A volte capita, sì, ma non sempre. Anzi, raramente.

Che se poi arrivano ma sul campanello non c’è il tuo nome, tanto vale. Ecco.

L’ipocrita

Ipocrita (s.m.). Dicesi di persona che, professando virtù che non rispetta, si procura il vantaggio di trasformarsi, agli occhi di tutti, in ciò che più disprezza.

(Fonte: Wikimedia Commons)

(Ambrose BierceDizionario del diavolo, scelta e introduzione di Guido Almansi, traduzione di Daniela Fink, TEA, 1988, pag.102.)

Titanium?!

(Messaggio promozionale ricevuto in una casella di posta elettronica professionale – società di lavorazioni metalmeccaniche, per la precisione:)

Oh cribbio!

E io che sono sempre stato convinto che Titanium, oltre a essere il nome inglese dell’elemento chimico numero 22, non fosse altro che un centro di lavoro per la produzione di infissi in legno il quale, grazie alla tecnologia d’avanguardia di ultima generazione e al sistema di bloccaggio che consente di calcolare in automatico le dimensioni dei pezzi da lavorare, è in grado di ridurre i tempi di lavoro garantendo un’alta produttività e non solo, dacché l’alta flessibilità degli alberi a tenonare e a profilare con attacco rapido, l’estrema praticità delle lavorazioni e la totale carenatura per abbassare il livello di rumorosità e di sicurezza lo collocano in una posizione leader nel settore!

Ma tu pensa se un semplice e inatteso messaggio email deve distruggere così repentinamente certe mie assodate (ovvero credute tali) convinzioni, nel mentre che ben unmilionediciannovemilaottocento altri individui si possono dire “soddisfatti” di esserne già edotti!

Bah, mondo crudele, così ricolmo di sventure, di amarezze e di, ehm… pene!