Deposizioni

A sinistra: la Deposizione borghese, di Raffaello Sanzio, 1507, Galleria Borghese, Roma.
A destra: la Deposizione di un borghese, di Vittorio Sgarbi, 2020, Palazzo Montecitorio, Roma.

Mestieri?

D’altro canto, se Libero Bovio nel Don Liberato si spassa (Edizioni de “Il Mattino”, 1996, pag.12) ha scritto che «La politica se non è Arte, è mestiere», mi viene da “ribattergli” che anche «L’arte se non è mestiere, è politica» e Vittorio Sgarbi, che sia della politica che dell’arte è da tempo un mestierante, ne è la prova perfetta.
Be’, ovvio, “perfetta” si fa per dire, ecco.

Sgarbi | ibragS

Ma non vi fanno ridere un sacco le due immagini sopra accostate?

A me sì, molto! 🤣😂🤣😂

(Se non sapete a cosa mi sto riferendo, cliccate qui e qui – che sono poi anche le fonti da cui ho tratto le immagini.)

Perché scrivere, secondo Philip Roth

L’unica via per scrivere letteratura contemporanea? “Rifugiarsi in un sé immaginato come unica cosa apparentemente reale in un ambiente altrimenti apparentemente irreale”. I mezzi di comunicazione? “L’attualità vanifica di continuo le nostre capacità di romanzieri mentre la cronaca estrae quasi ogni giorno personaggi che sono l’invidia di qualsiasi romanziere”. Il segreto della scrittura? “Famiglia e religione come forze coercitive sono un soggetto ideale per i romanzi”

(Philip Roth in Perché scrivere? Saggi, conversazioni e altri scritti 1960-2013, Einaudi, in uscita martedì 16 ottobre; ripreso e citato da Gian Paolo Serino sulla sua pagina facebook nella personale recensione del libro.)