“Leader”?!?

“Leader”. Ecco, anche quando colgo questa parola – sul web e sui social, alla radio o in TV che non guardo ma delle cui trasmissioni mi giungono inesorabile l’eco – mi viene da ridere. Una risata assolutamente sarcastica, che si disegna in un’espressione del viso parecchio schifata. Quelli che vengono definiti “leader” – soprattutto nell’ambito politico, ma non solo – quei personaggiucoli lì, sarebbero i leader di oggi? Veramente molte persone credono che lo siano, si fanno convincere che siano tali?
Altro che ridere sarcasticamente, qui!
Individui totalmente privi di carisma, che si fanno forti solo in presenza di debolezze altrui e soltanto col supporto di ipocrisie e falsità varie e assortite (nonché di media inopinatamente asserviti per meri e gretti tornaconti), ignoranti e sbruffoni ma al contempo meschini e squallidi, che fuggono dai confronti perché incapaci di reggerli, che rispondono con gli insulti a chi chiede loro conto, che dicono in pubblico parole prive di senso e di sostanza e poco dopo le rinnegano, che vivono unicamente nel momento in cui si manifestano senza alcun passato degno e senza visione di futuro, incapaci pure di guidare realmente i propri pseudo-adepti (“leader” deriva dall’inglese to lead, “guidare”) perché essi per primi non sanno tenere il volante e tanto meno che strada seguire. Gente che, se li guardi dritto negli occhi, ci vedi soltanto del gran vuoto buio. Sempre che sappiano reggere il tuo sguardo e non lo girino altrove, loro ennesima vile fuga dalla realtà dei fatti.
Questi, sono molti dei “leader” di oggi.

Osservate la foto in testa al post. È dell’agosto 2018, scattata all’esterno del Parlamento svedese, a Stoccolma.
Raffigura uno dei pochi veri leader contemporanei, piaccia o meno ciò che fa. Greta Thunberg, già.
Quasi tutti gli altri personaggi definiti “leader” in confronto a lei spariscono nella polvere da essi stessi generata.

Ciò detto, è inutile rimarcare che di leader autentici ve ne sarebbero di certo, qui e nel mondo: solo che, essendo tali, risultano invisi e antitetici al sistema di potere costruito e alimentato da quelli falsi e, per questo, vengono messi al bando. Un po’ come è accaduto numerose volte con certi geni, le cui scoperte innovative sovvertivano credenze ritenute indiscutibili e interessi su queste costruiti per ciò ugualmente intoccabili. Vennero messi al bando per poi capire, a volte molto tempo dopo, che avevano ragione ma, non di rado, quando ciò avvenne era ormai troppo tardi.

Furto d’arte, o furto “ad” arte?

A leggere la notizia (qui, ad esempio) del furto di America, il celeberrimo wc d’oro di Maurizio Cattelan, a me (e non solo a me, ci posso scommettere) è venuto subito in mente che non si trattasse d’altro che dell’ennesima geniale trovata dell’artista padovano, un po’ come quando all’inaugurazione di una sua mostra alla Galleria Neon di Bologna non si presentò e, all’ingresso, fece trovare ai presenti un cartello con scritto “TORNO SUBITO”.
Temo sarebbe pure capace di coinvolgere nel suo “scherzo” la polizia locale, la quale pubblicamente dichiara che sta svolgendo «un’indagine approfondita per consegnare i responsabili alla giustizia». O forse no, forse la polizia sta dicendo il vero e Cattelan con la sua opera è effettivamente vittima di un reato: ma, in un modo o nell’altro, quale migliore réclame per la prima grande retrospettiva dedicata all’artista nel Regno Unito, allestita proprio nel palazzo in cui è avvenuto il furto?

Insomma: ladro o derubato, complice, mandante o vittima, Cattelan resta l’artista italiano più geniale in circolazione, sempre un passo avanti, se non di più, rispetto a tutti gli altri. Perché il suo stesso “essere artista” è una sorta di ininterrotta e imprevedibile performance, per propri meriti o suo malgrado, tra le rare, forse l’unica in Italia (o al pari di Piero Manzoni), che possa essere a buon titolo considerata erede della basilare lezione duchampiana. In effetti uniti, i tre artisti, dall’aver saputo rendere arte persino ciò che concerne i bisogni meno nobili e più fisiologici dell’essere umano senza suscitare ribrezzo e schifo ma consensi e applausi. Be’, se non è genialità questa!

(L’immagine in testa al post è tratta da qui.)

L’11 settembre

La data dell’11 settembre, ormai così tragicamente impressa nella storia del mondo, a me fa venire in mente un’altra cosa… che quel giorno, proprio in quel giorno, un amico (e pure parente, alla lontana) aveva deciso di sposarsi. Dopo quanto accadde, inevitabilmente (ovvero senza voler fare mera e squallida ironia, stante la tragedia immane) finimmo per dirgli: caspita, non hai certamente scelto la data più felice per sposarti, tuo malgrado!
«Ciò che conta è che abbiamo coronato il nostro amore!» ci ribatteva lui, più o meno, e aveva ragione.
Dopo nemmeno due anni si è separato, e poi ha definitivamente divorziato.

Insomma, per dire che certi giorni vengono proprio male un po’ per tutti, ecco.

Piero Manzoni, un genio.

Leggo che hanno avuto gran successo le mostre personali che Hauser & Wirth ha dedicato a Piero Manzoni, prima nella galleria di Los Angeles e poi in quella di New York, conclusasi solo qualche giorno fa (ne parla “Artribune” in questo articolo), ciò in forza dell’accordo che Hauser & Wirth ha siglato con la Fondazione Manzoni in merito all’organizzazione di eventi espositivi “manzoniani” e alla gestione del mercato delle sue opere. «Manzoni – ha detto ad “Askanews” Marc Payot, partner e vicepresidente della galleria – per noi è un sogno che diventa realtà. E’ una figura così rilevante nella storia dell’arte europea, così radicale per il suo tempo, e per noi avere l’opportunità di rappresentare la Fondazione significa renderlo rilevante nell’arte contemporanea e promuoverlo globalmente dalla Cina al Sudamerica.»

Di contro, nemo propheta in patria, Manzoni mi pare che da queste parti non goda ancora di altrettanta considerazione, anzi, non di rado mi capita di sentire i soliti commenti denigranti sulle sue opere, accompagnate dalle altrettanto solite frasi fatte («Lo sapevo fare anch’io!», «Ma che ca**o di arte sarebbe, quella?!» eccetera). Ma tutto questo non fa che rimarcare e confermare ciò per cui vi sto proponendo questo post, ovvero l’evidenza che Piero Manzoni è stato realmente un genio, tanto rivoluzionario quanto (inesorabilmente) incompreso dai più. Che Hauser & Wirth ci crei sopra un proprio business, ora, può essere cosa più o meno discutibile (d’altro canto sono mercanti d’arte, è il loro mestiere!), ma che pure questo comprovi la grandezza artistica, creativa e intellettuale di Manzoni è cosa niente affatto in discussione.

E quelli che non l’hanno ancora capito, e magari citano la Merda d’artista come esempio a sostegno del loro disprezzo, è lampante che non hanno nemmeno capito che proprio la Merda d’artista è la prova inconfutabile della loro ottusità al riguardo.