La guerra (alla guerra) di Bansky

“Civilian Drone Strike”, 2017.

I più grandi crimini nel mondo non sono commessi da persone che infrangono le regole. Sono le persone che seguono gli ordini, che sganciano bombe e massacrano villaggi. Come precauzione per non commettere mai più importanti atti malvagi, è nostro dovere solenne di non fare quello che ci hanno detto, questo è l’unico modo in cui possiamo essere sicuri.

(Bansky)

Personalmente, trovo che essere contrari tout court alla guerra sia una sostanziale illogicità. Semmai, la storia dimostra che la stragrande maggioranza delle guerre scatenate dall’uomo contro altri uomini furono e sono, esse sì, illogiche: e con ciò intendo disumane, “non proprie” di una razza che si definisca “umana” anche nell’accezione etica e filosofica, oltre che “la più intelligente sul pianeta”, al punto (paradossale) da far divenire la guerra un ordine, una “regola” da seguire in caso di contenziosi tra comunità umane – ciò che sostiene Bansky nella citazione lì sopra, insomma. Le guerre, invece e proprio per quanto appena denotato, quasi sempre hanno palesato con ben poche ombre di dubbio la grande e crudele stupidità dell’uomo nonché la sua bieca ipocrisia politica – quella dei potenti i quali dettano regole che per primi non rispettano, intimano ordini che essi non eseguono e mandano al massacro milioni di individui per conto loro. Costoro sì, meriterebbero di subire un trattamento assai bellicoso.

P.S.: per saperne di più sull’opera nell’immagine, cliccate qui.

 

Annunci

Questa sera su RCI Radio, in FM e streaming, la 2a puntata della stagione 2015/2016 di RADIO THULE!

Thule_Radio_FM-300Questa sera, diciannove ottobre duemila15, ore 21.00, live su RCI Radio in FM e in streaming, appuntamento con la puntata #2 dell’anno XII di RADIO THULE. Titolo della puntata, “Lo sconosciuto che salvò la Terra dall’Armageddon”.
A volte dalle pieghe più nascoste della storia riemergono fatti a dir poco incredibili e assolutamente fondamentali, che tuttavia restano sconosciuti alla stragrande maggioranza delle persone.
Ad esempio: vi dice niente il nome di Stanislav Evgrafovič Petrov? Beh, è un signore russo, oggi settantaseienne, ex ufficiale dell’Armata Rossa, che vive in un piccolo appartamento alla periferia di Mosca. Ed è colui grazie al quale noi tutti – o almeno noi di una bella fetta di pianeta – siamo ancora vivi. RADIO THULE in questa puntata vi racconterà una storia incredibile, che pare uscita da un film eppure assolutamente vera, nella quale un uomo del tutto normale si è trasformato in colui che ha salvato la Terra dall’Armageddon nucleare.

worldcitizenawardDunque mi raccomando: appuntamento a questa sera su RCI Radio! E non dimenticate il podcast di questa e di tutte le puntate della stagione in corso e delle precedenti), QUI! Stay tuned!

Come ascoltare RCI Radio:
– In FM sui 91.800 e 92.100 Mhz stereo RDS.
www.rciradio.it (Streaming tradizionale)
http://rciradio.listen2myradio.com (64 Kbps, 32000 Hz Stereo AAC Plus)
http://myradiostream.com/rciradio (128 Kbps, 32000 Hz Stereo AAC Plus).
– Player Android: Google Play

Il PODCAST di Radio Thule: di questa puntata e di tutte le precedenti di ogni stagione, QUI!