21 luglio 1969, ore 4.56 (IT)

Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande passo per l’umanità.

(Neil Armstrong.)

P.S.: quello pubblicato è il video originale – restaurato – ripreso dagli astronauti dell’Apollo 11 durante la loro permanenza sulla superficie della Luna, tratto dalla pagina YouTube della NASA.

Annunci

20 luglio 1969, ore 19.44 (IT)

Il Modulo Lunare LEM si sgancia dal Modulo di Comando Apollo e comincia la discesa verso la superficie della Luna.
(Immagine tratta da qui.)

19 luglio 1969, ore 19.38 (IT)

Vista dal Modulo di Comando dell’Apollo 11 verso la parte Nord-Est della Luna, sorvolando il cratere Mendeleev. Il cratere Moissan domina il primo piano dell’immagine, mentre il cratere Richards è oltre la punta estrema della catena Mendeleev.
(Immagine tratta da qui.)

Luciano de Crescenzo (1928-2019)

Dovendo fare un viaggio con qualcuno, preferirei mille volte la compagnia di un ateo che non quella di un religioso. Perfino il nostro Papa potrebbe crearmi dei problemi, se non altro per la conversazione. Sì, lo so: mi dicono che sia tanto una brava persona. Non può negare, però, di essere religioso.

(Luciano De Crescenzo, Il pressappoco, Mondadori, 2008, pag.97.)

Ingegnere filosofo o filosofo ingegnere oppure entrambi allo stesso tempo, coltissimo, simpaticissimo, profondo e insieme leggero, irriverente quanto basta eppure sempre elegante, “relativista di scuola partenopea”, napoletanissimo e mediterraneo ma pure assai cosmopolita, “intellettuale a tutto tondo” verrebbe da dire se non fosse che, probabilmente, una definizione così non gli piacerebbe molto e potrebbe obiettare qualcosa come: «Augurati di avere incertezze sulla persona a cui tieni!» (clic).

Buon viaggio, caro ingegnere, verso lidi talmente sublimi da non poter essere per nulla “religiosamente divini”.

18 luglio 1969, ore 16.26 (IT)

La Terra fotografata dall’Apollo 11 in viaggio verso la Luna, da una distanza di 321.000 km circa.
(Immagine tratta da qui.)