Eliselle, “Fiabe dall’Inferno”

fiabehumb“Bene” e “male”: due categorie, due parti, due ambiti sui quali da sempre il genere umano ha voluto costruire la propria storia, con inguaribile manicheismo. Due elementi che sono stati storicamente sovraccaricati di sensi, di accezioni, di significati morali, sociali, culturali e quant’altro al punto da divenire, appunto, ineluttabili e intoccabili riferimenti per tutto quanto l’uomo si trova davanti, e così altrettanto “santificati” da permettere di essere tali nella forma anche quando sono totalmente all’opposto nella sostanza. Ovvero: da fare che si creda che il bene sia tale anche quando è/fa il male, e viceversa. Ugualmente, si è smarrita la capacità di percepire e comprendere la valenza di essi quando agente nella quotidianità, cosicché ci convinciamo (veniamo convinti) di vivere in una sorta di Eden – questo nostro mondo all’apparenza benestante, libero, emancipato, democratico eccetera eccetera eccetera – quando invece proprio un posto paradisiaco non è, anzi: appena si riesce ad aprire un poco più gli occhi, ecco subito la vista di scenari assai più infernali…
Eliselle, con il suo ultimo romanzo Fiabe dall’Inferno (Meme Publishers, 2014, ebook), parte proprio da questi assunti, o meglio, ci accompagna alla “scoperta” (perché tale è, sfortunatamente: come quella della vecchia acqua calda, che nessuno più sa vedere!) di una realtà contemporanea che dietro la sua apparente e rassicurante – nonostante tutto – normalità invece nasconde un profondissimo degrado umano, soprattutto e primariamente umano…

Eliselle (photo by http://www.virginpunk.com/)
Eliselle (photo by http://www.virginpunk.com/)

Leggete la recensione completa di Fiabe dall’Inferno cliccando sulla copertina del libro lì sopra, oppure visitate la pagina del blog dedicata alle recensioni librarie. Buona lettura!

Status symbol (autentici) da ostentare

Suits By Balmain
E quando andate in libreria ad acquistare uno o più libri (lo fate ancora questo esercizio di vita, vero?) non fateveli mettere nella busta che il librario vi offrirà. Teneteli in mano, mostrateli quando uscite dalla libreria e percorrete le vie cittadine, tra la gente. I libri vanno sempre mostrati, mai nascosti, nemmeno per comodità del momento. Con tutti quegli idioti che ci sono in giro e che ostentano i più futili status symbol – presunti tali, in verità – per mostrarsi e sentirsi “importanti”, perché non si dovrebbero mostrare i libri come autentici e fondamentali status symbol intellettuali e umani? Senza contare che il libro non è un bene di consumo qualunque – non è un bene di consumo tout court, anzi! – ergo non merita lo stesso trattamento riservato a, per dire, un flacone di detersivo o un paio di scarpe, non trovate?

Insomma, ostentiamoli pubblicamente, i libri. E’ una forma di pubblicità progresso a favore della lettura tanto semplice quanto efficace, in fondo. E a favore della società.

P.S.: ma se proprio non potete fare a meno di girare per la città col vostro smartphone nuovo fiammante e ultramodaiolo, beh, allenatevi a tenere i libri sottobraccio. E’ semplice, vedrete!

E’ uscito il nr.0 di SCRIVENDO VOLO, la nuova rivista di approfondimento culturale

Presentata in anteprima durante la seconda edizione della Fiera del Libro della Romagna, evento andato in  scena lo scorso weekend a Cesena, è finalmente disponibile il numero 0 di Scrivendo Volo, la nuova rivista di approfondimento culturale nata come versione cartacea dell’omonimo e apprezzato sito web. In questo primo numero potete trovare articoli (tutti inediti e di ottima qualità) di Daniele Dell’Orco, Francesco Giubilei, Giovanni Modica, Enrico Gregori, Francesca Mazzucato, Annalisa Terranova, Vincenzo Ciampi, Laura Costantini, Alberto Fezzi e molti altri tra i quali pure lo scrivente, con un testo dedicato alle prefazioni letterarie, una sorta di genere nel genere che spesso finisce per essere più “importante” dell’opera che dovrebbero introdurre, oltre che assai influenzante il giudizio del suo lettore.
Scrivendo_volo_copPer chi non abbia potuto visitare la Fiera di Cesena, può trovare e acquistare Scrivendo Volo direttamente dal sito di Historica Edizioni, scrivendo qui: info@historicaweb.com
Leggetela: ne vale la pena, ve lo assicuro – eppoi, c’è ovviamente sempre a vostra disposizione il sito web di Scrivendo Volo… Insomma, in un modo o nell’altro: buona lettura!