Viva l’I…rlanda!

Sto constatando che molte delle bandiere italiane esposte ai balconi di altrettante case nel momento del lock down dovuto alla diffusione del coronavirus e del relativo moto mediatico (o mediatizzato) di solidarietà nazionale – quello da cui sono scaturiti certi slogan tanto suggestivi quanto illusori se non, per molti aspetti, fuorvianti – ormai da mesi piazzate (dimenticate?), quelle bandiere dell’Italia, in balìa degli elementi atmosferici e del clima e per questo subenti un certo evidente deterioramento cromatico, sono diventate delle bandiere d’Irlanda, in pratica. E, in effetti, la diffusione del Covid-19 lassù ha determinato meno problemi di quaggiù (più casi per milione di abitanti ma incidenza di morti molto minore, meno della metà rispetto all’Italia).

Chissà se di contro in quelle case italiane, nel frattempo e per coerenza vessillologica i fiaschi di Barbera e di Chianti saranno stati sostituiti da bottiglie di Guinness e di Jameson… mah!

Andrà (non proprio) tutto bene

Sia chiaro da subito: l’«Andrà tutto bene» sui balconi o nei jpeg e gif sui social va… bene, certamente, comprendo perfettamente lo slogan e il moto di speranza che vi sta dietro e lo approvo, nel principio. A volte l’illusione resta il miglior lenitivo per l’animo, quando intorno accadono cose che si fa fatica a capire e, dunque, a sopportare. Ma – senza voler apparire cinico e sprezzante, e tanto meno pessimista o catastrofista – quella, ribadisco, è purtroppo una mera illusione, il credere che in tali situazioni tutto possa andare bene quando è pacifico, e inevitabile, che non sarà così. Certo, nemmeno questa volta il mondo finirà, probabilmente, e passato il periodo peggiore tornerà lo stato “normale” delle cose. Al quale, tuttavia, non tutti arriveranno in condizioni normali, per motivi diversi che in molti casi abbiamo sotto gli occhi o ne leggiamo e abbiamo notizie sui media.
Allora forse, mi permetto di asserire, pragmaticamente lo striscione più giusto e adatto alla situazione credo dovrebbe essere questo:

Anche perché non vorrei che convincersi, più per comodità che per obiettività, che «tutto andrà bene», rischi di distaccarci dall’effettiva realtà dei fatti e dalla necessità di salvaguardare la solidarietà sociale che nelle comunità di cui facciamo parte è un elemento indispensabile e imprescindibile per superare situazioni gravi come quella in corso. Invece l’essere coscienti che non tutto andrà bene, o non a tutti, ci dovrebbe obbligare a prestare sempre grande attenzione agli altri e alle loro vite, oltre che alla nostra – anzi, insieme alla nostra – e a considerare che purtroppo no, le cose non sempre vanno per il verso giusto e non sempre succede ad altri che non vadano per il verso giusto. Cercare di prevenire una circostanza del genere, io penso possa generare benefici non solo per se stessi ma per tutti, appunto. Allora sì, forse non andrà tutto tutto bene ma, magari, non tutto andrà male.
Meglio, no?

«Niente sarà come prima»…

…«Tutto cambierà». E «tutto andrà bene», certo!

Ma con calma, eh! Che a far le cose di fretta non va bene, a cambiare tutto quanto così, d’improvviso… eh no, non si fa, non è il caso! Prima vediamo per bene se quello che si faceva prima fosse tanto sbagliato, magari non lo era, chissà, era comodo, semplice, andava bene comunque eh… poi, be’, cambiare sì, forse, ma anche no, dipende, che certe abitudini ormai sono acquisite, sono dure a morire…

Già.
Dure a morire più che un virus. Per questo, prima o poi, un vaccino lo si trova;  invece, per certi comportamenti diffusi e ormai cronici – “virus” a loro volta, e tra i peggiori in assoluto – è ben più difficile.
Ma poi, fuori il tricolore al balcone e alé, andrà tutto bene! Vero?
Ecco.

(Le immagini di corredo al post – cliccateci sopra per ingrandirle – le ho ricavate dalla pagina facebook dell’ASST di Bergamo, zona tra le più colpite dal coronavirus, come saprete, anche se poi noto sul web che il “fenomeno” è diffuso un po’ ovunque, in Italia, da Nord a Sud. C’avrei scommesso, d’altronde.)

150 anni fa, il “Tricolore di Oliosi”

L'episodio della difesa della bandiera tricolore ad Oliosi durante la battaglia di Custoza, in una stampa dell'epoca.
L’episodio della difesa della bandiera tricolore ad Oliosi durante la battaglia di Custoza, in una stampa dell’epoca.

2 giugno, festa della Repubblica Italiananel bene e nel male, già. Ed è l’anno 2016, dunque sono trascorsi 150 anni da un episodio certamente poco noto al grande pubblico ma alquanto significativo di uno spirito nazionale (e di un’epoca, senza dubbio) sul quale tuttavia oggi è francamente pleonastico discutere, per molti motivi. A quel tempo, fatta da pochissimo l’Italia, c’era ancora qualche possibilità di fare gli italiani, ma pare che in questo secolo e mezzo tale possibilità non sia stata granché considerata, da quelli di dovere e dalla maggioranza degli altri.

Comunque: qualcuno ricorderà, da vaghissime reminescenze scolastiche, che il 24 giugno 1866 fu il giorno della battaglia di Custoza, svoltasi nella terza guerra d’Indipendenza. È nell’ambito di questo scontro che si colloca l’episodio in questione, a Oliosi – piccolo borgo rurale oggi frazione del comune di Castelnuovo del Garda. Quella mattina la Brigata Forlì, costituita dal 43° e 44° Reggimento Fanteria, si stava dirigendo verso Castelnuovo quando fu assalita e scompaginata da una carica della cavalleria leggera austriaca, gli Ulani. Un gruppo di ufficiali, sottoufficiali e soldati del 44°, ai comandi del capitano Baroncelli – ufficiale in grado più anziano del gruppo – occuparono casa Benati a Oliosi, resistendo per alcune ore, finché il fuoco avversario incendiò la casa. Prima di arrendersi, e per impedirne l’onta della consegna al nemico, divisero il drappo della bandiera del 44° in strisce verticali, probabilmente tredici, che gli ufficiali nascosero nelle proprie giubbe e custodirono durante la prigionia ad Agram, l’odierna Zagabria. Al termine della guerra il drappo fu ricomposto con gli undici pezzi (dei tredici) ritrovati e la bandiera riconsegnata al 44° Reggimento durante una solenne cerimonia in piazza San Marco a Venezia, il 25 ottobre 1866. Da quel giorno, tale storica bandiera è conosciuta come il Tricolore di Oliosi.

Ecco. Ora: si potrà dire che non sia proprio più il caso di fare gli “eroi” per una bandiera, o pure che non sia il caso di fare gli eroi tout court dacché sfortunata è la terra (e il suo popolo) che ne ha bisogno… D’altro canto, di ‘sti tempi, non pochi sarebbero gli “italiani” che non saprebbero mettere nel giusto ordine i colori della bandiera nazionale. Per questo, mi pare, l’episodio di Oliosi è oggi così significativo. Nel bene e nel male, appunto.