Firenze, nell’Oberland Bernese

Ho sempre invidiato i viaggiatori del passato. A patto di avere un considerevole patrimonio alle spalle, potevano permettersi di investire uno o due anni della propria vita in un Grand Tour che oggi le agenzie di viaggio indiane o cinesi condensano nell’arco di una settimana: Parigi-Lucerna-Venezia, un’escursione peccaminosa a Pigalle, la cremagliera del Rigi e trenta minuti di gondola, tutto frullato in una manciata di ore, con la Tour Eiffel e il Cervino che si specchiano in laguna. Cosi avviene anche per il mondo incantato di Grindelwald, banalizzato dalla fretta e dall’omologazione: nel ricordo dei viaggiatori, al loro ritorno a casa, la Nord dell’Eiger e la facciata di Santa Maria del Fiore galleggeranno insieme nella nebbia dell’indistinto.

(Paolo PaciL’Orco, il Monaco e la Vergine. Eiger, Mönch, Jungfrau e dintorni, storie dal cuore ghiacciato d’Europa, Corbaccio, 2020, pag.200.)

P.S.#1: come fa ben intuire Paci, in questo brano, quando ci si renderà finalmente conto dei danni culturali che il turismo di massa, con le sue modalità di viaggio devianti, sta determinando ai luoghi urbani e naturali presso i quali porta i turisti (vittime e insieme carnefici del misfatto, loro malgrado), forse sarà ormai troppo tardi per poterli salvare dal conseguente destino infausto.

P.S.#2: a breve vi dirò di questo nuovo libro di Paolo Paci, qui sul blog.

Tania Mallet (1941-2019)

Ci sono dei personaggi la cui dipartita non provocherà granché cordoglio pubblico, dacché il nome non dirà nulla ai più e dunque gli stessi media non ne daranno notizia, salvo rari casi. Eppure, tali personaggi a volte sono parte integrante dell’immaginario collettivo, solo che chi vi attinge (noi tutti, in pratica) non lo sa.

È il caso di Tania Mallet della quale leggo la triste notizia della scomparsa, avvenuta il 30 marzo. Tania Mallet, modella inglese, recitò in un unico film interpretando il personaggio di Tilly Masterson, ovvero la protagonista di quello che è forse il più famoso inseguimento della storia del cinema e certamente una delle scene iconiche della cinematografia di sempre, a bordo di una Ford Mustang Convertible lungo le temibili curve della strada del Furka Pass, in Svizzera, alle calcagna di James Bond e della sua favolosa Aston Martin DB5 in 007 – Missione Goldfinger.

Tania Mallet e Sean Connery sul set di “Goldfinger”, nel 1964.

Tutt’oggi vi sono appassionati della saga di James Bond che giungono da tutto il mondo per percorrere quella stessa strada, peraltro tra le più spettacolari (ed effettivamente da brividi) delle Alpi.
Insomma, una “anonima” tanto quanto celeberrima icona, Tania Mallet. RIP.

Anche la Brexit, spiegata benissimo

Ecco. Pure qui, niente da aggiungere.

Che poi mi chiedo: ma gli inglesi, a prescindere dalla bontà o meno della Brexit, si rendono conto che ci stanno facendo una figura assai ridicola, se non grottesca? E che quello da cui è scaturita la Brexit pare più un sovranismo da pollaio che da Camera dei Lord?

Di questo passo pure il più celebre suddito di Sua Maestà potrebbe avere qualche problema…
«Mi chiamo Bond, James Bond.»
«Sicuro? Cioè, c’è l’accordo su questo nome?»
«Be’, sì… sono 007, io!»
«Be’, verifichi bene, prima che con un successivo voto lei sia diventato 006 o 008.»
«Ma io sono l’agente segreto più famoso del mondo!»
«Ah sì? E sulla base di quale referendum?»
«Ehm…»

(Immagine tratta dal The Telegraph.)

My name is Bond, Brexit Bond!

Ora a me, sinceramente, ‘sta Brexit mi pare una cretinata notevole – non tanto per la cosa in sé, che potrebbe pure essere sostenibile, quanto per come dagli inglesi sia stata concepita, per chi l’abbia votata e per il modo col quale verrà (o non verrà) messa in atto.
Tuttavia, porca miseria, come faccio a prendermela con il paese che ha inventato James Bond?

Maledetti figli di… Albione!