Incantesimi e anatemi

Quando ho letto sul web la notizia a cui l’immagine fa riferimento (la potete leggere anche qui, direttamente dal sito de “Il Corriere”) io, che non sono un lettore dei volumi della saga creata da J. K. Rowling (ma non per dispregio, anzi, semplicemente non sono il mio genere letterario preferito), ho subito pensato: caspita, ora vado in libreria, acquisto uno dei libri di Harry Potter, leggo uno degli incantesimi e lo lancio contro quel reverendo e tutti quelli come lui. Metti caso che abbia veramente ragione, e il tizio coi suoi sodali sparisca nel nulla o si trasformino, che so, in grufolanti maiali!
Se invece non avesse ragione, be’, ne uscirebbe comunque perdente. In fondo come sempre accade a tutti quelli che la pensano in questo modo, su questa vicenda e su ogni altra. Amen!

Annunci

Tania Mallet (1941-2019)

Ci sono dei personaggi la cui dipartita non provocherà granché cordoglio pubblico, dacché il nome non dirà nulla ai più e dunque gli stessi media non ne daranno notizia, salvo rari casi. Eppure, tali personaggi a volte sono parte integrante dell’immaginario collettivo, solo che chi vi attinge (noi tutti, in pratica) non lo sa.

È il caso di Tania Mallet della quale leggo la triste notizia della scomparsa, avvenuta il 30 marzo. Tania Mallet, modella inglese, recitò in un unico film interpretando il personaggio di Tilly Masterson, ovvero la protagonista di quello che è forse il più famoso inseguimento della storia del cinema e certamente una delle scene iconiche della cinematografia di sempre, a bordo di una Ford Mustang Convertible lungo le temibili curve della strada del Furka Pass, in Svizzera, alle calcagna di James Bond e della sua favolosa Aston Martin DB5 in 007 – Missione Goldfinger.

Tania Mallet e Sean Connery sul set di “Goldfinger”, nel 1964.

Tutt’oggi vi sono appassionati della saga di James Bond che giungono da tutto il mondo per percorrere quella stessa strada, peraltro tra le più spettacolari (ed effettivamente da brividi) delle Alpi.
Insomma, una “anonima” tanto quanto celeberrima icona, Tania Mallet. RIP.

My name is Bond, Brexit Bond!

Ora a me, sinceramente, ‘sta Brexit mi pare una cretinata notevole – non tanto per la cosa in sé, che potrebbe pure essere sostenibile, quanto per come dagli inglesi sia stata concepita, per chi l’abbia votata e per il modo col quale verrà (o non verrà) messa in atto.
Tuttavia, porca miseria, come faccio a prendermela con il paese che ha inventato James Bond?

Maledetti figli di… Albione!

Star(nuti) wars!

A ben vedere, contro certi antipatici malanni di stagione – raffreddori megagalattici con starnuti la cui forza d’urto fa vibrare le campane di campanili a km di distanza, ad esempio – per di più aggravati negli effetti dal clima impazzito nel quale ci ritroviamo a vivere, tipo che oggi nevica e domani fa 25° al Sole, nemmeno il lato oscuro della forza può fare qualcosa!

(Comunque, secondo le regole del galateo, chi starnutisce in pubblico dovrebbe subito scusarsi ma nessuno dovrebbe rispondere “salute”, perché tale gesto concentrerebbe ancora di più l’attenzione sulla persona che ha starnutito, mettendola in imbarazzo e, a seconda dei contesti, distogliendo l’attenzione delle persone. Ecco.)

P.S.: no, io non ho il raffreddore. Ma tante persone sì, a quanto odo.