“Cronache da Thule”, il magazine di RADIO THULE, questa sera alle 21.00 su RCI Radio!

Questa sera, 22 ottobre duemila18, ore 21.00, live su RCI Radio in FM e in streaming, appuntamento con la 2a puntata della stagione 2018/2019 di RADIO THULE nel suo format “magazine”, intitolato “Cronache da Thule”!

Pronti ad ascoltare la radio come fosse una rivista da leggere, dalle pagine ricche di rubriche con i più svariati argomenti? E’ giunta l’ora, questa sera, di “sfogliare” RADIO THULE e disquisire di libri, eventi, musica, idee, opinioni, facezie, disgrazie, considerazioni sul mondo che ci sta intorno serie oppure no… Insomma: una rivista intitolata Cronache da Thule, ovvero il numero 1, per questa stagione, del “magazine” di RADIO THULE!
In questa puntata (o in questo numero, per restare in tema), tra le altre cose, si parlerà… di un grande scrittore recentemente passato a miglior vita, di cambiamenti climatici e di certe riflessioni al riguardo, di un affascinante libro da poco uscito e di una prossima presentazione dello stesso altrettanto affascinante, di un imminente festival culturale a Milano, di una band degli anni ’80 tra le più originali, di mozziconi di sigaretta… e di molto molto altro! Il tutto, come sempre, ben accompagnato dalla consueta selezione musicale di alta qualità, una garanzia imprescindibile di RADIO THULE.

Dunque mi raccomando: appuntamento a stasera su RCI Radio! E non dimenticate il podcast di questa e di tutte le puntate delle stagioni precedenti, qui. Infine, segnatevi già l’appuntamento sul calendario: lunedì 5 novembre, ore 21.00, la prossima puntata di RADIO THULE! Stay tuned!

Thule_Radio_FM-300Come ascoltare RCI Radio:
– In FM sui 91.800 e 92.100 Mhz stereo RDS.
www.rciradio.it (Streaming tradizionale)
http://rciradio.listen2myradio.com
(64 Kbps, 32000 Hz Stereo AAC Plus)
– Player Android: Google Play
Il PODCAST di Radio Thule: di questa puntata e di tutte le precedenti di ogni stagione, QUI!

Annunci

La Terra piatta, Pac Man e uno spiacevole equivoco

Be’, in tutta sincerità vi dico che a me i “terrapiattisti” – sì, i seguaci dell’idea che la Terra sia piatta e non sferica, i quali si sono trovati di recente in Gran Bretagna e hanno dato il “meglio” di loro stessi a sostegno della propria “teoria” (ne parla anche Dario Bonacina, qui) – mi stanno simpatici. Già, perché non vorrei che alla base di tutto – di tutto ciò che sostengono, intendo dire – vi sia stato solo un terribile equivoco. Tipo come quando qualcuno senta provenire dalla casa di un vicino degli spari e, sgomento, chiami la Polizia sostenendo che vi sia stata una sparatoria, e della cosa ne venga a sapere la stampa locale e di essa qualche giornalista tanto solerte quanto poco professionalmente deontologico pensi ad uno scoop servito su un piatto d’argento e ci scriva subito sopra un accattivante pezzo sull’ennesima “strage in famiglia” sicché la gente legga tutto quanto e se ne convinca e dalla mattina dopo in poi non si parli che di quello con inesorabile contorno abbondante di commenti, opinioni, giudizi e sacrosante verità, quando invece si trattava soltanto di un televisore sintonizzato su un serial poliziesco col volume troppo alto.

Ecco: non vorrei che un leader terrapiattista – cioè uno dei primi ad aver avviato il relativo “movimento”, intendo dire – per motivi non identificabili e comunque probabilmente futili abbia messo uno accanto all’altro un libro di geografia e l’esito del suo encefalogramma, e li abbia tragicamente confusi. Già.

Che poi, a ben vedere, è un peccato (per la civiltà umana) che non abbiano ragione: nel caso, basterebbe caricarli tutti quanti su un convoglio ferroviario e poi vederli cadere nel vuoto cosmico, una volta oltrepassato il bordo terrestre, giubilanti – se così andasse – per aver dimostrato la loro ragione. Invece no, buon per loro: dopo un po’, ce li vedremmo ritornare dalla parte opposta, sempre analfabetico-funzionalmente convinti delle loro idee, ovvio.

Bah, tanto vale chiuderli in una stanza a giocare perpetuamente a Pac Man. In fondo, a quanto pare e al di là della loro “teoria”, è la sola cosa che hanno in mente. Solo dei teneri e simpatici nostalgici dei primi videogames, insomma, dell’epoca in cui la Terra era quasi più piatta dei televisori in uso per giocare!

Il podcast della puntata #6 di RADIO THULE 2012/2013

Ecco qui, come tradizione del giorno successivo a quello della diretta, il file in podcast della puntata #6 di RADIO THULE 2012/2013 di lunedì 17 Dicembre 2012! Puntata intitolata 80 voglia di anni 80!“ e moooooolto speciale, ospitata e in onda live dai Megamix Sound Studio di Milano e che a sua volta ne ospita il conduttore: Nightjay (il quale a propria volta ospiterà lo scrivente: dunque, il sottotitolo della puntata potrebbe essere l’ospite dell’ospite dell’ospite!), nome e personaggio che gli ascoltatori di RCI certamente conoscono bene come conduttore de Il Suono dei Ricordi, e ancor più in questa puntata potranno conoscere come grande esperto e cultore degli anni ’80! Perché MEGAMIX_SoundStudio_SMALL_TEXTURE_BLACK_151proprio di questo celeberrimo decennio si disquisisce in questo appuntamento con RADIO THULE: un periodo della nostra epoca recente per certi aspetti controverso, da alcuni ritenuto favoloso, da altri “oscuro”, eppure nel bene e nel male fondamentale per il nostro presente e ricco di spunti sociali, culturali e di costume ancor oggi (e sovente rispetto a quelli di oggi) assolutamente interessanti e intriganti.

Cliccate sulla radio qui sopra per ascoltare e scaricare il file, oppure visitate la pagina del blog dedicata al programma con tutto l’archivio delle puntate di questa e delle stagioni precedenti.

Prossimo appuntamento con RADIO THULE all’anno venturo: lunedì 14 Gennaio 2013! Save the date e, per ora, buon ascolto!

Questa sera, ore 21.00: RADIO THULE #6-12/13, live in FM e streaming su RCI Radio!

Lunedì 17/12, ore 21.00, live su RCI Radio 91.8/92.1 FM e in streaming:
RADIO THULE, anno IX, puntata #6:
80 voglia di anni 80!
Ovvero: puntata moooolto speciale, questa di RADIO THULE, che infatti sarà ospitata e andrà in onda live dai Megamix Sound Studio di Milano e a sua volta ne ospiterà il conduttore: Nightjay (che a propria volta ospiterà lo scrivente: dunque, il sottotitolo della puntata potrebbe essere l’ospite dell’ospite dell’ospite!), nome e personaggio che gli ascoltatori di RCI certamente conoscono bene come conduttore de Il Suono dei Ricordi, e ancor più oggi potranno conoscere come grande esperto e cultore degli anni ’80! Perché proprio di questo MEGAMIX_SoundStudio_SMALL_TEXTURE_BLACK_151celeberrimo decennio si occuperà la puntata di RADIO THULE di questa sera: un periodo della nostra epoca recente per certi aspetti controverso, da alcuni ritenuto favoloso, da altri “oscuro”, eppure nel bene e nel male fondamentale per il nostro presente e ricco di spunti sociali, culturali e di costume ancor oggi (e sovente rispetto a quelli di oggi) assolutamente interessanti e intriganti.

Per ascoltare RADIO THULE in streaming dal tuo pc clicca QUI, oppure QUI per lo streaming in HD. E dal giorno successivo, qua sul blog, il podcast della puntata! Quindi, in un modo o nell’altro: save the date e stay tuned!