Gli onnivori e i vegani

Scusate, ma – senza voler innescare sterilissime polemiche, e posta la libertà assoluta di chiunque di scegliere per sé stesso ciò che preferisce – se un ristorante “ordinario” deve giustamente poter offrire delle pietanze vegane ai clienti vi si rechino e ne facciano richiesta, perché un ristorante vegano non deve poter fare altrimenti? Insomma, se vado a mangiare in compagnia di amici in un ristorante di mia scelta, e uno di questi amici è vegano, trovo giusto e apprezzabile che anch’egli possa mangiare qualcosa di suo gradimento, è un suo sacrosanto diritto; e se io vado con altri amici in un ristorante vegano e mi voglio mangiare una bella tagliata* dacché nulla del menu ivi presente mi piace, o semplicemente perché è un mio sacrosanto diritto mangiare in un modo che ritengo soddisfacente?

Non so… sbaglierò, ma a me pare una situazione del tutto squilibrata, ecco.

*: di animale da allevamento rigorosamente etico –  cosa sempre e comunque fondamentale, questa.

Annunci

“Cercasi la mia ragazza disperatamente”: la sorpresa migliore, per Pasqua!

Certo! Al posto della orrida e inutile chincaglieria che usualmente si trova (“sorpresa” la chiamano! Tzè!) nelle uova pasquali di cioccolato, fatevi una ben migliore sorpresa: leggete Cercasi la mia ragazza disperatamente!
Che peraltro, con le tante risate che farete e che, oltre a farvi riflettere con la profondità che solo il buon umore sa regalare, vi scolpiranno gli addominali meglio di qualsiasi esercizio in palestra, potrete strafogarvi di cioccolato in quantità industriali con tutta tranquillità!

Cliccate sull’immagine per sapere ogni cosa utile su Cercasi la mia ragazza disperatamente. Una lettura buona come il miglior cioccolato!