Un tormentone dell’estate?

Incidentalmente, ho sentito su una radio commerciale il singolo del gruppo pop italiano “Thegiornalisti” (?!) che, leggo, sarebbe uno dei “tormentoni” dell’estate in corso.

Be’, con tutto il rispetto per chiunque, una scena musicale, ancorché pop (il che non è affatto sinonimo di bassa qualità o di banale nazional-popolarità – all’estero, intendo dire), che elegga a “band di rilievo” e imponga il successo dei relativi brani di un gruppo del genere, è un po’ come una comunità di recupero dalla tossicodipendenza che avesse eletto a suo testimonial il Maradona* dei tempi di Napoli.

Con la differenza che Maradona fu uno dei più grandi calciatori di sempre, nonostante tutto.
Ecco.

*: per restare in tema, già.

Zero a zero?!?

Io non seguo il calcio, anzi, me ne sto ben distante ma non per chissà qual snobismo. Il gioco del calcio sa anche essere molto bello e altrettanto divertente ma, a mio modo di vedere, tutto ciò che vi è stato costruito sopra è semplicemente insopportabile, e ne riduce l’altrimenti alto valore sportivo – e culturale, perché no – a pura fuffa.

Tuttavia, se c’è proprio una cosa che del gioco del calcio non capisco, è il risultato di 0 a 0. Zero a zero. Novanta minuti di tempo più recuperi, schemi, tattiche, azioni, difese, pressing, contropiedi, movimenti di palla, campioni e contro campioni, corri di qui, corri di là… e nemmeno un gol?
Ma che senso ha?
Voglio dire: sportivamente, agonisticamente, “filosoficamente” pure! D’altro canto, sono ben pochi gli sport che prevedano il risultato di pareggio e non propongano sistemi di gioco oltre i tempi regolamentari per pervenire a un vincitore certo, e ci sarà ben un motivo perché ciò avvenga.

Ma poi, zero a zero! Almeno 1 a 1, suvvia, un gol per parte quanto meno per giustificare i 90 minuti di corse – nonché gli stipendi faraonici elargiti dalle squadre delle serie maggiori… ma nemmeno quello?! Che diamine!
Fossi un tifoso che si è recato allo stadio per assistere a uno 0 a 0, chiederei il rimborso del prezzo del biglietto. Mi sembra il minimo, ecco.