Siamo diventati più stupidi? (Sì.)

Non ho né il modo né tanto meno la presunzione di mettere in dubbio i rilievi di Bernt Bratsberg e Ole Rogeberg, ricercatori norvegesi del prestigioso Centro Ragnar Frisch per la Ricerca Economica di Oslo, che hanno condotto un approfondito e rigoroso studio statistico sui dati di ben 730mila giovani uomini, raccolti tra il 1970 e il 2009 – tutti quanti future reclute per il servizio militare locale e per questo sottoposti ai test standard per valutare il loro quoziente intellettivo. Mettendo a confronto i risultati dei test, i due ricercatori hanno rilevato che i giovani di oggi sono sensibilmente più “stupidi” di quelli di 40-50 anni fa. Dal 1975 ad oggi si sarebbero persi almeno 7 punti di QI per ogni generazione. Qui trovate un articolo che ne parla e riassume la questione.

A dire il vero non formulo nemmeno la volontà di dubitare di questi rilievi, anzi.
Perché, anche al di là del rigore scientifico che lo studio norvegese manifesta, mi pare che i dati non facciano che confermare una situazione piuttosto evidente oltre che assai paradossale: nell’era in cui ogni giorno di più, grazie al web, alle reti sociali, ai media, a tutto quanto si ha a disposizione per (riassumo il concetto per chiarezza) diventare più intelligenti, diventiamo invece sempre più stupidi.
Inoltre, paradosso nel paradosso: secondo gli studiosi norvegesi la colpa di tale decadimento intellettivo “sarebbe principalmente dei media, che avrebbero allontanato i giovani dalla lettura ‘intrappolandoli’ davanti alla televisione, ai videogiochi e negli ultimi anni a trascorrere moltissime ore sui social network. Una motivazione tanto banale e ovvia (per chi riesce a concepirla in questo logico modo) da essere costantemente ignorata e sottovalutata, così che ciò che ci dovrebbe rendere più intelligenti ci istupidisce, insomma.
Be’, in fondo basta poi guardarsi intorno, scorrere lo sguardo tra le “persone normali”, osservare il modus vivendi e cogitandi di molte, leggere sui social network (strumento nocivo per tanti quanto illuminante per alcuni) cosa esse scrivono, valutare lo stato della comunità sociale di cui fanno parte. È evidente che i norvegesi abbiano ragione, già.

Mi viene solo da osservare alcune cose. Primo, la ricerca è stata fatta in Norvegia, uno stato tra i più avanzati anche culturalmente: se l’avessero fatta altrove (sì, penso proprio a un certo paese dell’Europa del Sud) che ne sarebbe uscito? Secondo: forse che dalle nostre parti il suddetto decadimento intellettuale risulti meno marcato? Può essere, visto che già si partiva da un livello molto basso, e da questo si è scesi ancor più. Terzo: ma guarda, l’Italia è uno dei paesi dove si leggono meno libri! Quarto: resto profondamente fiducioso riguardo i giovani, convinto che, nonostante tutto quanto, possano fare molto meglio di quanto hanno saputo fare i loro genitori e, per giunta, abbiano tutto il tempo e le possibilità per invertire la curva discendente del QI; una cosa sola, però: si tolgano dall’influenza di buona parte degli adulti, soprattutto di quelli che si arrogano la volontà di imporsi come modelli e che invece, nella maggior parte dei casi, sono proprio il danno peggiore per il loro intelletto. Ecco.

(L’immagine in testa al post viene da qui.)

Zero a zero?!?

Io non seguo il calcio, anzi, me ne sto ben distante ma non per chissà qual snobismo. Il gioco del calcio sa anche essere molto bello e altrettanto divertente ma, a mio modo di vedere, tutto ciò che vi è stato costruito sopra è semplicemente insopportabile, e ne riduce l’altrimenti alto valore sportivo – e culturale, perché no – a pura fuffa.

Tuttavia, se c’è proprio una cosa che del gioco del calcio non capisco, è il risultato di 0 a 0. Zero a zero. Novanta minuti di tempo più recuperi, schemi, tattiche, azioni, difese, pressing, contropiedi, movimenti di palla, campioni e contro campioni, corri di qui, corri di là… e nemmeno un gol?
Ma che senso ha?
Voglio dire: sportivamente, agonisticamente, “filosoficamente” pure! D’altro canto, sono ben pochi gli sport che prevedano il risultato di pareggio e non propongano sistemi di gioco oltre i tempi regolamentari per pervenire a un vincitore certo, e ci sarà ben un motivo perché ciò avvenga.

Ma poi, zero a zero! Almeno 1 a 1, suvvia, un gol per parte quanto meno per giustificare i 90 minuti di corse – nonché gli stipendi faraonici elargiti dalle squadre delle serie maggiori… ma nemmeno quello?! Che diamine!
Fossi un tifoso che si è recato allo stadio per assistere a uno 0 a 0, chiederei il rimborso del prezzo del biglietto. Mi sembra il minimo, ecco.