Auguri, Anna!

Buon compleanno, signora Annelies! Oggi compie 90 anni ma ne dimostra sempre 15, per come la sua presenza sia ancora così vitale e le sue idee tanto illuminanti! Ed è bello sapere che sarà così anche in futuro, anche tra 50 o 100 o magari 1.000 anni, quando tutto al mondo sarà diverso e speriamo in meglio: nel caso, sarà anche per merito suo, dacché pure allora lei resterà sempre la ragazzina vivace e arguta d’un tempo e in quanto tale capace di rendere altrettanto vivace e arguto chiunque avrà la fortuna di conoscerla.

Auguri di cuore ancora!

Annunci

Una grave ingiustizia da eliminare, una volta per tutte

Premessa: la metafora che sto per usare è la più “leggera” (e ironica) possibile; evito di usarne altre ben più feroci, quantunque sarebbero del tutto giustificate.

Dunque, mettiamo che ci sia una sorta di multinazionale del giardinaggio la quale si sia imposta sul mercato definendosi la migliore in assoluto e ugualmente dotata, a suo dire, dei migliori giardinieri, i quali infatti insegnano a destra e a manca come poter curare i giardini. Posto ciò, un sacco di gente un po’ ovunque affida loro la cura del proprio verde, ma ecco che uno di loro compie un gran danno, nel giardino ad esso affidato. Beh, capita.
Altrove un altro giardiniere combina un simile guaio, e un altro pure, e un terzo lo stesso. I sopraccigli prendono ad alzarsi, la multinazionale chiede scusa, dice che non accadrà più.
Invece accade ancora, anzi: in numerosi giardini si constatano i danni causati dai giardinieri in questione. La multinazionale chiede perdono, sostiene che solleverà quei giardinieri così maldestri dal loro incarico ma dichiara pure che resta la migliore in assoluto nel suo campo, che quegli errori sono una pura fatalità.
Il tempo passa ma non solo i disastri combinati dai giardinieri della multinazionale non diminuiscono: aumentano ovunque a dismisura, anzi, salta pure fuori che i vertici dell’azienda hanno nascosto molti di quei casi per preservare il proprio business facendo credere di essere sempre e comunque la migliore nel proprio campo, continuando per giunta a impiegare persino i più maldestri dei suoi giardinieri, come nulla fosse accaduto.
Arrivano altre pubbliche scuse, altri mea culpa, altre promesse che più nulla del genere accadrà. Invece continua ad accadere, di giardini devastati e rovinati, spesso irreparabilmente, ce ne sono sempre di più, e sempre più rovinati con modalità a dir poco sconcertanti.

Ora, i casi sono due: o il personale di questa multinazionale della cura dei giardini è composto per la sua totalità da inetti, stolti e incapaci cronici, oppure la multinazionale ha sempre agito fregandosene della qualità del proprio lavoro e dell’interesse dei suoi clienti, mettendo così in atto una vera e propria frode. Sia quel che sia, nell’un caso o nell’altro: avreste voi ancora il coraggio di affidare la cura di un giardino a questa multinazionale, a fronte delle decine di migliaia di casi di danneggiamenti più o meno gravi perpetrati e, pure, dell’impunità inopinatamente goduta fino ad oggi che ne ha accresciuto se possibile ancor più l’inaffidabilità e la disonestà professionale?
Credo che la risposta (univoca) a questa domanda venga da sé. Non solo, credo pure che le condanne e le ingiunzioni a non esercitare mai più l’attività svolta fioccherebbero come neve durante una bufera invernale.

Bene, ora fate conto che la suddetta multinazionale sia (è) la chiesa cattolica e i danni causati siano (sono) le decine di migliaia di casi di crimini pedofili accertati ovunque nel mondo: Italia, Germania, Irlanda, USA, Canada, Brasile, Cile, Australia… ormai non c’è parte del pianeta che ne sia immune, i media ne forniscono notizie quotidiane – il caso qui sopra citato è solo uno degli ultimi (cliccate sopra l’immagine per leggere l’articolo).

Quindi? Che vogliamo fare? E sia chiaro che la storiella dei “sant’uomini rappresentanti di Dio in Terra” non regge più – non regge da secoli in realtà, ma ora in modo inequivocabile. Dunque? Continuiamo a voltarci dall’altra parte, rincitrulliti dalle loro parole, o finalmente agiamo di conseguenza?

Si attendono buone ed efficaci risposte – possibilmente prima che vengano commessi chissà quanti altri crimini, di pedofilia o d’altra bieca natura, e prima delle ennesime, false, meschine, furbesche e altrettanto criminose “richieste di perdono”, alle quali nessuno che abbia un cervello attivo ormai crede più.

Per il bene della Turchia, e dell’Europa

Alcuni delle migliaia di intellettuali turchi fatti arrestare negli scorsi mesi dal regime di Ankara.
Non sono certo che l’iniziativa del governo olandese contro la propaganda turca per l’imminente referendum costituzionale sia la migliore e la più diplomaticamente astuta: rischia da un lato di spianare ancor più la strada, di rimbalzo, ai più biechi populismi xenofobi e, dall’altro, di dare maggior forza, o maggior prepotenza, ad Ankara e al suo invasato rais – senza contare i retroscena che qualcuno denota al riguardo.

Tuttavia credo sia ormai del tutto improrogabile una presa di posizione netta da parte europea contro il regime attualmente al potere in Turchia. Un regime che ha arrestato più di 40.000 tra intellettuali, magistrati, docenti universitari, giornalisti e altre figure pubbliche colpevoli solo di aver espresso opinioni contrarie a quelle imposte dal regime, che sta limitando sempre più le libertà personali, che ha per lungo tempo fatto il doppio gioco con il sedicente stato islamico dell’ISIS, che mira da altrettanto tempo allo sterminio del popolo curdo… Un regime, in buona sostanza, che sta trasformando quello che fino a pochi anni fa era uno dei paesi più avanzati dell’Europa, anche culturalmente, in un regime teocratico di stampo islamista e di forma dittatoriale sempre più immerso nella tenebrosa e pericolosa aura geopolitica mediorientale – il quale per giunta, dopo tutto ciò, si permette di dare dei “nazisti” e dei “fascisti” agli altri con toni astutamente aspri funzionali a chissà quali ulteriori futuri ricatti. Qualcosa di semplicemente inaccettabile – anche, mi auguro, per la troppo spesso ipocrita e molle Europa. Si dirà che bisogna fare il più possibile buon viso a cattivo gioco per evitare che la Turchia abbandoni del tutto il suo legame con l’Europa e si sposti definitivamente nello scenario geopolitico mediorientale in una posizione potenzialmente ostile… Beh, e che sta già facendo la Turchia, in pratica? Per di più, con la bieca doppiezza di definirsi alleata dell’Occidente (ed essere definita come tale e conseguentemente sostenuta dalle diplomazie occidentali: doppia ipocrisia, in un senso e nell’altro!) ma nel concreto ponendosi in posizione di scontro e di ricatto costanti, sia politici che culturali.

Ecco, al proposito: non è una questione solo politico-diplomatica, ma pure profondamente culturale: in modo diretto, per come le purghe del regime stiano distruggendo la parte migliore della cultura turca contemporanea, e in modo indiretto perché tale distruzione comporta inevitabili conseguenze sul resto della cultura europea, anche per come fornisca fiato alle peggiori trombe populiste anti-culturali, come già accennato. Ma ancor più nel principio, dacché l’azione dittatoriale dell’attuale regime turco dimostra in modo evidente, ancora oggi come da sempre, che per qualsiasi potere illiberale e antidemocratico la cultura è il primo nemico, il primo avversario da combattere nonché la prova indubitabile della natura bieca e oppressiva del regime stesso.

Sempre più valido, al riguardo, risulta  l’appello contro la soppressione dei diritti e delle libertà fondamentali in Turchia del grande scrittore e Premio Nobel Orhan Pamuk, che pubblicai qui sul blog lo scorso settembre, e che a mio modo di vedere non è stato sufficientemente ascoltato e supportato da parte della cultura europea. Ma se questa, intesa nel suo insieme, vuole continuare a rappresentare la base ineluttabile del senso più alto e nobile di “civiltà”, non può e non deve restare inerme di fronte a una tanto grave deriva anticulturale in un paese così importante per la storia dell’Occidente, così come non dovrebbe lasciare tutta l’iniziativa alla politica, con i soliti pericoli e le strumentalizzazioni del caso, parlando invece in prima persona in difesa delle decine di migliaia di intellettuali turchi arrestati, in primis, delle libertà fondamentali subito dopo e di seguito della tragedia culturale che la suddetta deriva provocherà. Se questa parte di mondo vuole continuare a definirsi libera, emancipata, civile, aperta, culturalmente avanzata, semplicemente non può accettare l’attuale condotta del regime di Ankara: per il bene stesso del popolo turco, della storia europea ovvero euroasiatica, per il futuro di questa parte di mondo, per la libertà – in ogni senso la si possa intendere.

Mirella Tenderini, “Le nevi dell’Equatore”

cop_nevi_equatoreCredo che se tutt’oggi si raccontasse a molta gente comune (definizione qui con accezione del tutto letterale e neutra, sia chiaro) che nel bel mezzo dell’Africa, lungo la linea dell’Equatore e dunque in una zona del mondo che immediatamente richiama alla mente caldo infernale, zone desertiche e savane, leoni, giraffe, elefanti e quant’altro di affine, vi siano montagne con cime innevate e ampi ghiacciai, in tanti storcerebbero il naso e non ci crederebbero granché.
In fondo, da questo punto di vista, la situazione non è cambiata molto da quasi 170 fa, quando i primi esploratori europei presero a raccontare di altissime montagne scintillanti di ghiacci eterni al centro del “continente nero”, venendo presi per visionari in preda ad allucinazioni da febbre malarica o cose del genere. D’altro canto, un po’ per lo stesso motivo, l’aura leggendaria che allora circondava le tre grandi montagne africane, Kilimanjaro, Kenya e Ruwenzori, resiste ancora adesso, continuando ad affascinare gli alpinisti contemporanei che decidono di calcarne le vette massime e nonostante anche lì sia in atto un regresso delle superfici glaciali che la collocazione geografica non rende meno drammatico di quello in corso sulle Alpi o ai Poli.
E’ un’aura leggendaria che affascina anche a distanza, anche chi legga della sua essenza seduto su una comoda poltrona a migliaia di chilometri di distanza dacché scaturente da una storia altrettanto leggendaria, nel bene e nel male, che Mirella Tenderini – una delle migliori scrittrici di alpinismo ed esplorazione in circolazione – narra ne Le nevi dell’Equatore (Alpine Studio, 2012; 1a ediz. CDA&Vivalda Editori, 2000).
In effetti la storia della conquista delle più alte montagne africane è assolutamente emblematica della parallela conquista – dovrei usare il termine “colonizzazione”, ma il primo credo renda meglio l’idea – della parte interna dell’Africa da parte degli europei, ovvero è assai significativa di quello storico travaglio che ha caratterizzato il continente tra Settecento e Novecento (e che continua tutt’ora)… (continua)

mirella-tenderini(Leggete la recensione completa di Le nevi dell’Equatore cliccando sulla copertina del libro lì sopra, oppure visitate la pagina del blog dedicata alle recensioni librarie. Buona lettura!)

INTERVALLO – Amsterdam-Schiphol (Olanda), Airport Library

Library-smallNon è l’unica biblioteca interna ad un aeroporto, come erroneamente indicato da alcuni articoli (eccone qui un’altra, per dire), ma certamente è una delle più “utili”, la Airport Library dell’Aeroporto di Amsterdam-Schiphol: con quasi 60 milioni di passeggeri all’anno, molti dei quali su rotte intercontinentali e quindi con tempi di attesa tra un volo e l’altro sovente non brevi, la biblioteca può godere lungo l’intero anno di un numero potenziali di fruitori notevolissimo!

041-41016-1-16Cliccate sulle immagini per visitare il sito web della biblioteca (in inglese).