Il dandy come ribelle perfetto

Richard Dighton, “The Dandy Club”, 1818.

Il dandy è una delle prime sfide contro la minaccia d’una civiltà di massa, è, così parve al Baudelaire, una muta e sprezzante ribellione contro il materialismo d’un’era democratica: una affermazione di singolarità, di esclusivismo da parte dell’individuo, sia pure in un campo frivolo (ma Byron metteva Brummell accanto a se stesso e a Napoleone), e, a dire il vero, nel genuino prototipo attinse un grado di perfezione mai più raggiunto. Eleganza senza vistosità, arguzia talora così sottile da non trovare altra espressione che un silenzio significativo.

(Mario Praz, ‪I volti del tempo, Edizioni scientifiche italiane, Napoli, 1964, pag.228.)

Annunci