Sindaci da stadio

I festeggiamenti da stadio che si sono potuti constatare sui media da parte di certi sindaci vittoriosi nelle recenti elezioni comunali, dopo le prime votazioni e i ballottaggi ove svoltisi, esultanze sovente ridicole o fuori luogo quando non sguaiate – si va dai mortaretti e dalle trombe ad aria, ai cori da ultras, fino ai tuffi dei sindaci eletti nelle fontane pubbliche o a casi limite come quello dell’immagine lì sopra – fanno capire perfettamente, e indubitabilmente, a quali livelli infimi sia ormai caduta certa “politica” anche in ambito locale ovvero a quali modelli comportamentali faccia riferimento e importi nell’attività amministrativa per affermare ed evidenziare la propria “egemonia” istituzionale.

E siccome, come frequentemente accade, dai comuni vengono pescati i futuri rappresentanti dei partiti da mandare ai livelli superiori, fino in Parlamento, capite bene come possa essere messa, l’Italia, al riguardo.

Annunci

Ridere non è divertirsi

Comunque, non mi sorprendono certe recenti indagini sociologiche che denotano un così diffuso incattivimento, nella nostra società. Di gente che ride, durante la sua vita quotidiana, ne vedo tanta, ma che sappia veramente divertirsi – in modo benefico, intendo dire – nel vivere la propria esistenza ne trovo ben poca.
Al solito “il riso abbonda sulla bocca degli stolti”, mentre l’autentica allegria di spirito con la quale divertirsi nel vivere la vita con ciò vivendola al meglio è cosa ben più seria. Forse per questo è così rara.