Massì, auguri!

Natale (s.m.). Giorno speciale, consacrato allo scambio di doni, all’ingordigia, all’ubriachezza, al sentimentalismo più melenso, alla noia generale e a domestiche virtù.

(Ambrose BierceDizionario del diavolo, scelta e introduzione di Guido Almansi, traduzione di Daniela Fink, TEA, 1988, pag.123.)

[Photo credit: https://www.thrillist.com/culture/make-christmas-drunk-again%5D
Auguri a tutti!

Sì, perché in fin dei conti sono avverso alla festa in sé, non certo a chi festeggia e, soprattutto, a chi ne approfitti per rilassarsi almeno per qualche giorno lontano – spiritualmente più che materialmente – dalle ordinarie follie quotidiane. Che sembrano generate apposta per giustificare “festività” altrimenti del tutto insulse, nella forma e nella sostanza, ecco.

Buffoni a tavola

L’allegria a tavola è indispensabile alla buona digestione. I buffoni di corte sedevano alla mensa del re proprio per questo. Una saggia istituzione. L’inverso dell’odierno pranzo di lavoro, una istituzione evidentemente non saggia, a meno di non considerare buffoni i nostri commensali.

(Aldo Buzzi, L’uovo alla kok, Adelphi Edizioni, 1979-2002, pag.124.)

Adagi e disagi

Oggi al ristorante, per pranzo, ho preso del pesce. Tuttavia, mi sono quasi del tutto bagnato: purtroppo il pesce non era d’accordo. Scodava, spinnava, infine è sgusciato via.
Non solo: il ristoratore ha pure preteso che pagassi il conto, dacché l’ordinazione l’avevo comunque fatta.
Accidenti! Ora ho capito perfettamente perché, in questi casi, si dice di sentirsi presi “a pesci in faccia”!