Uno “dell’otto settembre”

[Scorcio della Val Lunga, che con la parallela Val Corta forma la parte superiore della Val Tartano. Foto di Riccardo Ronchetti, opera propria, CC BY-SA 4.0, fonte commons.wikimedia.org.]
Sulla giornata di oggi, 8 settembre, e sul suo più noto fatto storico accaduto nel 1943, l’armistizio tra l’Italia e le nazioni alleate, è interessante ricordare un significativo aneddoto vernacolare montano, più precisamente della Val Tartano, laterale sinistra – dunque sul lato orobico – della Valtellina. Nel dialetto locale, infatti, si usa l’espressione de l’ot setémbre («dell’otto settembre») per indicare una persona fasulla ovvero inetta, con chiaro riferimento a quei soldati che, approfittando della situazione di sbandamento generata nell’esercito italiano dall’armistizio citato, si presentavano a un nuovo reparto dichiarandosi graduati oppure aumentando il proprio grado. Soldati tra i quali, viene da pensare, ce n’era qualcuno originario della valle.

(La fonte dalla quale ho tratto quanto sopra è Massimo Dei Cas, La velata nostalgia del mite settembre, su Notiziario della Banca Popolare di Sondrio n°145, aprile 2021.)

1 commento su “Uno “dell’otto settembre””

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.