Determinismi 2.0 #3: web e imbecilli

Ma poi… è “Internet che dà diritto di parola a legioni di imbecilli” (Eco, 2015) o sono legioni di imbecilli che, proprio in quanto tali, rivendicano (più di altri) il diritto di parola su Internet?

Annunci

6 pensieri su “Determinismi 2.0 #3: web e imbecilli”

    1. IO-IO-IO, commento io! Dico che quelli che scrivono sull’internet sono tutti quanti dei cretin…

      Uhm… un attimo…

      No, niente. Come non detto.

  1. Io credo, che la libertà di parola, sia uno dei diritti fondamentali più anomalo e controverso: basti vedere quante persone condividono giornalmente bufale, influenzando l’andamento politico, senza sapere minimamente di cosa stiano parlando. Se ti và, passa a trovarmI 😉

    1. Buongiorno Flavia!
      E’ vero ciò che dici ma sai, col tempo ho maturato una convinzione che è un’evoluzione (se posso permettermi di tanto) del celebre pensiero voltaireano: ognuno ha il diritto di dire ciò che pensa anche perché così può dimostrare pienamente quanto sia intelligente oppure (nella maggior parte dei casi) idiota. Certa gente, se non si esprimesse, lascerebbe sempre il dubbio sul proprio livello intellettuale!
      Poi, è ancor più vero quanto scrivi circa la questione “credulità alle bufale”: una questione profondamente culturale la cui soluzione durerà qualche generazione, purtroppo. Sempre che si sappia metterla in atto.
      (Son già passato di là da te! 😉 )
      Grazie di cuore del tuo commento!

      1. Il web ha il grande potere di smaterializzare la propria opinione e di diffonderla a livello mondiale, rendendola accessibile a tutti. Detto ciò, per quanto da un lato sia fortemente d’accordo con il tuo commento, dall’altro credo che ad alcuni utenti, specie se segnalati, andrebbe impedito di postare. Specialmente, quando il manifestare idiozia tende a diventare associazionismo: solo nell’ultimo anno abbiamo visto chiudere le pagine di sesso, droga e pastorizia, che tenevano e tengono ancora raduni, in cui si invita a prostituirsi, drogarsi, bullizzare, fare atti osceni in luogo pubblico etc. alla chiusura dei gruppi e delle pagine contro i vaccini. Gruppi, in cui i “genitori” si organizzavano con altri genitori per infettare i bambini. Il web ha un potenziale illimitato, ma in cosa si concreta l’uso di questo potere? Grazie per la visita 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...