Vedere al buio, non vedere alla luce

SunsetIeri sono uscito per correre sui monti dietro casa che era l’imbrunire, quasi.
Una lama di luce dorata all’orizzonte illuminava il paesaggio, via via più sottile nel frattempo che la zona d’ombra saliva verso l’alto inglobando ogni cosa. Usando il Sole calante come unico misuratore del tempo della mia corsa, ho lasciato che gli occhi si abituassero all’oscurità incipiente, come facevano gli astronomi dell’antichità per accrescere la propria acutezza visiva e osservare meglio le stelle.
Così, quando ormai il cielo sopra di me diventata d’un blu cobalto sempre più cupo, correvo sui sentieri nel bosco e ci vedevo ancora benissimo. E mi è venuto da pensare che il nostro mondo contemporaneo è illuminato da numerosissime luci, eppure molto spesso non riusciamo a vedere nulla, o quasi.

Annunci

9 pensieri riguardo “Vedere al buio, non vedere alla luce”

    1. Grazie, Ale!!!
      Sono quelle cose che mediti sotto sforzo, quando sei totalmente concentrato nel gesto atletico e dunque la mente può svagarsi e pensare ad altro, per un po’. In effetti correndo nei boschi ho “scritto” – ovvero concepito – buona parte dei testi poi finiti nei miei libri! 🙂

    1. Ahahah, beh, magari ti bastano 2 km tirati allo spasimo… Ma in effetti non sono il primo a ritenete la corsa di durata, soprattutto se svolta in ambiente naturale, un esercizio zen, ovvero una notevole occasione di meditazione.
      Insomma, provaci. Ma se ti viene un infarto, declino ogni responsabilità, eh! 😀 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...