INTERVALLO – Copenhagen, Det Kongelige Bibliotek / Biblioteca Nazionale di Danimarca

Den_Sorte_Diamant_1
Un INTERVALLO fin troppo classico e scontato per quella che è tutt’oggi una delle più belle biblioteche pubbliche del mondo, eppure imprescindibile per una sezione, come questa del blog, che si occupa di bei luoghi dedicati alla cultura – e a quella letteraria in primis.
Ho avuto la fortuna di visitare il Diamante Nero – come è denominata la Biblioteca Nazionale di Danimarca, che riflette le proprie superficie scure nel porto di Copenhagen – e di gironzolarvi dentro per un bel po’… Scontato dirlo (appunto), ma è un luogo in cui l’equilibrio tra l’involucro architettonico, la percezione che ha di esso il fruitore/visitatore e, una volta dentro, la funzione di conservazione e di offerta della cultura letteraria (in senso simbolico come pratico) raggiunge un’armonia tra le più mirabili. Ciò anche grazie all’attenzione particolare che in Scandinavia viene posta nella diffusione e nella fruibilità pubblica di tutto quanto è e fa cultura, non bisogna dimenticarlo.
Cliccate sull’una e sull’altra immagine per saperne di più.
The-Royal-Library-Design-by-schmidt-hammer-lassen-architects

Annunci

6 pensieri riguardo “INTERVALLO – Copenhagen, Det Kongelige Bibliotek / Biblioteca Nazionale di Danimarca”

  1. Anch’io sono stata qui! mi hai fatto riaffiorare bellissimi ricordi…Nonostante sia un edificio di forte impatto per la sua mole, si integra nel contesto che lo circonda attraverso le riflessioni dei vetri che lo rendono un corpo smaterialzzato, quasi senza peso agli occhi. Molto vera la tematica dell’alta fruibilità della cultura…una realtà purtroppo molto lontana dalla nostra.

    1. Ciao, Maria Anna! Sono contento di averti riportato lungo i moli di Copenhagen, anche solo virtualmente!
      Vero: ho girato molto l’intera Scandinavia, e ovunque ho trovato una particolare cura per i luoghi dedicati alla cultura. D’altro canto, sbirciavo spesso dentro le finestre delle case, le quali come sai non hanno persiane o tapparelle, e sempre – sempre! – vedevo dentro librerie ampie e ben fornite… Insomma, un circolo virtuoso e prezioso, di forma (architettonica e altro) e sostanza (culturale e sociale) che qui, come dici tu, abbiamo dimenticato ormai da troppo tempo.
      Grazie per il tuo commento e i tuoi ricordi! 🙂

      1. Sei un ottimo osservatore nonché viaggiatore esemplare…anch’io passavo giornate a sbirciare nelle case!! ho imparato molto di dentro e fuori, e che da quelle parti fuori è dentro e dentro è fuori. Grazie a te e a presto.

    1. Ciao Tina! 🙂
      Beh, il commento ti è partito d’impulso e dunque per un gesto dettato dall’istinto, il che può far capire come il ricordo generato dall’immagine ti abbia suscitato emozioni particolari… O no? 😉
      Copenhagen è assai affascinante, non solo per il Diamante Nero che è certamente una delle sue eccellenze… Vidi la città qualche anno fa – tutta la riorganizzazione urbanistica lungo il porto non era ancora conclusa – poi la rividi due anni dopo (2009, ultima volta in cui ci sono stato) e la trovai parecchio cambiata in meglio – cosa difficile da dire per molte città, non solo nostrane.
      Grazie di cuore per il tuo commento, molto gradito e “consapevole”, venendo da una “viaggiatrice totale” come tu sei! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...