Necrofilia

Viviamo in una società necrofila, per certi aspetti.
Idolatriamo cose “morte” come fossero vive, e facciamo morire altre cose che ci farebbero vivere.
Giochiamo a mostrarci il più possibile vivi, e alla morte in ogni modo cerchiamo di sfuggire, ma poi ci facciamo morbosamente affascinare da tutto quanto è morto – o che sta morendo, spesso con la nostra complicità, se non per colpa della nostra mano, della nostra quotidiana vita.
Ma non è, tutta questa fascinazione mortale, perché non temiamo la morte, anzi: è semmai l’esatto opposto. Crediamo di poterla “dominare” dunque ignorare, e proprio in tale ignoranza sta la fonte di questa nostra demenziale necrofilia.

Dove non è spirito che svegli la vita in qualsivoglia cosa, è morte.

(Prospero VianiLettera a Monsignor Carlemanuele Muzzarelli, p.XI, in Carlo BottaLettere, Pompeo Magnaghi Editore, Torino 1841.)

P.S.: nell’immagine, Salvador Dalì, Fontana necrofila che sgorga da un pianoforte a coda, 1933.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.