I cavalli magri e le mosche

Ai caai magher al ghe cor dré töte i mosche.

(“Ai cavalli magri corrono dietro tutte le mosche“, vecchio proverbio bergamasco.)

Che è poi una versione meno “colorita” e più “rurale” del diffuso modo di dire su dove si posino abitualmente le mosche, e che a me di contro pare assai attinente a certe persone (numerose, fin troppo) che inneggiano e adulano cert’altri personaggi pubblici, sovente dell’ambito politico, segnalando in tal modo la vicendevole, riflessa meschinità.

(L’immagine nel post è tratta da qui.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.