Constant Dullaart, web-artista sovversivo

Constant Dullaart è un giovane artista olandese (è del 1979) il quale, dopo un inizio di ricerca artistica fondata sul video, si sta distinguendo per la sua opera di reinterpretazione, modifica e sotto molti aspetti di sovversione dei linguaggi, degli stili e degli “status symbol” di internet.
Ottimo esempio di tale suo lavoro è fornito dalla serie di “opere” on line con le quali gioca sulla struttura classica e istituzionale di Google, sovvertendone la sicura plasticità con intuizioni tanto semplici quanto significative e divertenti, ma anche capaci di far riflettere sul senso e sul valore della presenza della rete e dei suoi capisaldi nel nostro vivere quotidiano contemporaneo. Se cliccate sull’immagine qui accanto, capirete bene ciò che voglio dire (ma guardate anche qui o qui. E sul web ne trovate altre…).
Non oso dire che questa sia arte nell’accezione solita, ma di sicuro la sua visualità attrae l’attenzione e dona interessanti spunti di riflessione, ovvero ciò che l’arte contemporanea può e sa fare.
Dategli un occhio, credo ne valga la pena.

Annunci

Hermann Nitsch, mostra personale. Corbetta, dal 4 al 25 Febbraio 2012

Hermann Nitsch è considerato il “papà” dell’azionismo viennese, movimento artistico le cui esperienze performative sono state forse le più sconvolgenti, violente e drammatiche degli anni ’60, con una carica estrema di coinvolgimento esistenziale, emotivo e psicologico. Degli artisti del movimento, Nitsch in particolare ha concentrato tutto il suo impegno artistico nella realizzazione di una nuova forma di opera d’arte totale (che influenzerà gran parte della body art negli anni ’70): l’orgien mysterien theater (teatro delle orge e dei misteri), che si sviluppa senza sosta dall’inizio degli anni ’60 attraverso una lunga serie di azioni e performances in gallerie, musei e piazze pubbliche per poi trovare la sede principale nel castello di Prinzendorf in Austria. Gli indumenti e gli oggetti utilizzati nelle performances vengono conservati come reliquie. La pittura funge da catalizzatore e viene eseguita durante l’azione teatrale con grandi tele asperse di colore.

Galleria BRERA UNO presenta la mostra personale di Hermann Nitsch.
Inaugurazione sabato 4 Febbraio 2012 ore 18, Sala delle Colonne – Palazzo Comunale, Corbetta, Milano.
Cliccate sull’immagine per visitare il sito web della galleria, e avere ogni altro dettaglio sull’evento.

Il podcast della puntata #8 di RADIO THULE 2011/2012

Ecco qui, come tradizione del giorno successivo a quello della diretta, il file in podcast della puntata #8 di RADIO THULE 2011/2012 di lunedì 30 Gennaio 2012, intitolata E ora, qualcosa di completamente diverso, e dedicata alla nascita, storia, scienza, conoscenza, filosofia e follia dei Monty Python, il più grande e rivoluzionario ensemble comico di sempre!

Cliccate sulla radio qui accanto per ascoltare e scaricare il file, oppure visitate la pagina del blog dedicata al programma con tutto l’archivio delle puntate di questa e delle stagioni precedenti.
Prossimo appuntamento con RADIO THULE, lunedì 13 Febbraio 2012! Non mancate, mi raccomando, e per ora… Buon ascolto!

Quelle strane sensazioni…

Non vi succede mai, in alcuni casi, di uscire di casa provando la s rana sensazione che vi manchi qualcosa?
Eppure sie e sicuri di aver preso ciò che vi serve, con rolla e e ricon rolla e, apparen emen e non manca proprio nulla, con inua e a fare me e locale sulle cose che dovres e avere con voi, ma quella fas idiosa sensazione vi res a…
Ecco, è proprio quello che s o provando io in ques o momen o.
Acciden i! Che cavolo sarà mai che mi manca?…
Mah!

Sabato 4 e (soprattutto!) Domenica 5 Febbraio: tutti al BUK 2012!

Il 4 e il 5 Febbraio prossimi si svolgerà nella consueta sede del Foro Boario di Modena la 5a edizione di BUK, una delle migliori fiere italiane dedicate alla piccola e media editoria.
Domenica 5 sarò presente anch’io in fiera, presso lo stand di Senso Inverso Edizioni, ovviamente con il mio ultimo romanzo Cercasi la mia ragazza disperatamente
BUK è una manifestazione ideata per favorire la diffusione della piccola e media editoria, dando visibilità alle oltre 100 case editrici che presentano la loro ricca offerta culturale. Sempre più festival letterario, BUK ha conosciuto nelle edizioni passate un grande successo di pubblico (10.000 visitatori nel 2008, 12.500 nel 2009, 15.000 nel 2010, 20.000 nell’ultima edizione del febbraio 2011 sempre a ingresso libero) che ha consentito un’articolazione del programma che si avvarrà della presenza di grandi ospiti e di molte iniziative collaterali: conferenze e dibattiti sui grandi temi dell’attualità, reading e atélier letterari creativi, incontri con autori e personalità della cultura ma anche eventi musicali e spettacoli dal vivo.
Cliccate sull’immagine del logo di BUK per avere ogni informazione utile sulla fiera e per sapere nel dettaglio come visitarla.

Dunque vi aspetto numerosi per incontrarvi/ci allo stand di Senso Inverso Edizioni a BUK, il 5 Febbraio. Ricchi premi e cotillon (?!) a chiunque passerà a trovarci!